Più libri più liberi

"Più libri più liberi", la Fiera nazionale della piccola e media editoria, in programma da mercoledì 7 a domenica 11 dicembre al Palazzo dei Congressi di Roma, raggiunge un traguardo importante, quello dei 10 anni: tappa simbolica di un cammino dedicato all’esplorazione dell’altra editoria italiana, che si muove fuori dall’orbita dei grandi gruppi.

Oltre 400 editori, più di  300 iniziative in programma, decine di autori presenti in fiera, sono solo alcuni dei numeri di Più libri più liberi.  Cinque giorni a base di libri, autori, case editrici… ma anche riviste, festival, e-book, nuove collane e progetti editoriali, premi letterari, mostre. Una fitta rete di incontri, confronti e sorprese all’insegna della bellezza culturale che scaturisce dalla varietà, dalla diversità, dalla libertà.

Più libri più liberi è organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) con il sostegno di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale per le Biblioteche, gli istituti culturali e il diritto d’autore con il Centro per il libro e la lettura, Provincia di Roma, Camera di Commercio di Roma, Comune di Roma, con il patrocinio della Regione Lazio e in collaborazione con l’Istituzione Biblioteche di Roma, l’azienda per i trasporti capitolina Atac, Radio 3 Fahrenheit, IBS – Internet Bookshop e in partnership con l’ALI – Associazione Librai Italiani e l’IILA – Istituto Italo-Latino Americano.

Come ogni anno il Centro per il libro e la lettura sarà presente all’interno della Fiera della piccola e media editoria di Roma. Lo stand prevede uno Spazio dei traduttori, provvisto di un computer in rete, dove verrà presentata la Banca dati per traduttori editoriali e tutti gli interessati potranno iscriversi direttamente.

Inoltre il Centro organizza incontri sul Premio Campiello Giovani e sul tema della traduzione editoriale, in collaborazione con Biblit:
 

  • Premio Campiello Giovani, venerdì 9 dicembre,  dalle ore 11 alle ore 12, sala Rubino.
    Il vincitore e i finalisti del Premio Campiello Giovani incontreranno gli studenti di alcune scuole superiori di Roma per parlare dei loro racconti, di scrittori e dello scrivere.
  • Quando il traduttore diventa imprenditore,  venerdì 9 dicembre, dalle ore 14 alle ore 15, sala Turchese. Relatori: Marina Invernizzi (Agenzia di traduzione e formazione Langue&Parole), Leonardo Luccone (Agenzia letteraria Oblique), Marina Pugliano (Cooperativa di Traduttori Letterari NTL). Coordinamento: Marina Rullo (Biblit).
    A partire dall’esperienza diretta di tre traduttori editoriali, l’incontro intende offrire al pubblico una panoramica dei mestieri della traduzione e delle modalità per avviare un’attività imprenditoriale nel settore.
  • Paisà: gli italiani nelle traduzioni straniere, sabato 10 dicembre dalle ore 12 alle ore 13, sala Turchese. Relatori: Yana Arkova (Russia), Maja Pflug (Germania), Jon Rognlien (Norvegia). Coordinamento: Marina Rullo (Biblit).
    Qual è l’immagine della società e della cultura italiana che emerge dalle traduzioni straniere? Quali sono gli aspetti della nostra cultura più difficili da trasporre in un’altra lingua? Tre traduttori stranieri parlano della propria esperienza professionale.

Approfondimenti:

www.piulibripiuliberi.it