Fototeca Tifernate On Line di Città di Castello

Tipografi tifernati in gita a Passignano sul Trasimeno. 1950
Città di Castello. Lo Stabilimento Tipografico Scipione Lapi dopo i bombardamenti del 14 maggio 1944
Città di Castello. Interno del monastero delle cappuccine di Santa Veronica Giuliani. 1969
Città di Castello. Piazza Venanzio Gabriotti. Accampamento di spettatori in occasione di un concerto di Umbria Jazz. 1976?

La Fototeca Tifernate On Line nasce il 23 marzo 2001, con il sostegno del Comune, del Lions Club e della Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello e dell’Opera Pia “Officina Operaia G.O. Bufalini”. Da allora viene gestita dal Centro Fotografico Tifernate (CFT) a nome degli enti promotori e a beneficio dell'intera comunità. È sorta sullo slancio delle tante mostre retrospettive curate da Alvaro Tacchini e allestite dal CFT sin dal 1983 (“Ieri, il Tevere”, “Il carnevale tifernate”, “La storia del movimento dei lavoratori nell’Alta Valle del Tevere”; “Le trasformazioni dei paesaggio urbano”; “Il fascismo e la Liberazione a Città di Castello”). L'ingente patrimonio di immagini accumulato con tali iniziative, e proveniente per lo più da fondi privati, è stato riversato nella Fototeca, che si è quindi affermata come strumento di conservazione e di valorizzazione della Memoria storica locale.

Nel corso degli anni è stata reperita nuova documentazione, grazie al lavoro capillare di ricerca di fondi fotografici da parte di Alvaro Tacchini e ad altre mostre retrospettive (“Enrico Hartmann fotografo nell'Altotevere”, “Il fascismo a Città di Castello”, “L’Alta Valle del Tevere e la Grande Guerra”, “Il Risorgimento a Città di Castello”, “La Fattoria Autonoma Tabacchi nei suoi 100 anni”, “Il centenario della Pinacoteca Comunale di Città di Castello” e la serie “Chi èno? Aiutateci a riconoscerli”). Nel contempo si è reso disponibile l'immenso patrimonio di immagini dello Studio Fotografico Giuseppe Tacchini, recentemente donato alla città.

In questi anni di attività, sono stati inserite nella Fototeca, debitamente catalogate da archivisti, oltre 10.200 immagini che rappresentano la Memoria di Città di Castello.