Collezioni digitali

184 risultati trovati |

Biblioteca universitaria - Padova

La collezione, una delle più importanti nel Veneto, comprende circa 50 disegni navali settecenteschi di ambito veneziano relativi all'armata veneziana e alla marina mercantile, che documentano un interesse ancora ben vivo per la flotta e l'Arsenale della Serenissima nell'ultimo secolo della sua storia.

 

Biblioteca civica Anton Giulio Barrili - Savona

Documenti antichi, manoscritti o a stampa, di carattere geografico e cartografico posseduti dalla Biblioteca civica Berio di Genova, dalla Biblioteca civica Barrili di Savona e dalla Biblioteca civica Mazzini di La Spezia.

Biblioteca statale - Cremona

Il fondo è costituito dai manoscritti e dal carteggio del conte Ignazio Alessandro Cozio di Salabue (Casale Monferrato 1775 - Salabue 1840), collezionista e abile commerciante di strumenti ad arco. Qui vengono presentate le copie digitali dal ms. 1 al ms. 93, contenenti inventari, note su strumenti musicali e lettere, ecc.

Biblioteca nazionale Braidense - Milano

La collezione documenta la tradizione colta e popolare delle composizioni dialettali milanesi e l’editoria milanese in lingua italiana, che a partire dall’Ottocento assume le dimensioni dell’impresa industriale, cui si aggiunge un’ampia selezione di romanzi.

Biblioteca del Convento S. Maria Occorrevole - Piedimonte Matese (CE)

Collezione di volumi rari, andati all'indice dell'Inquisizione ma conservati nella piccola biblioteca conventuale, o aventi particolare pregio e importanza storica perché legati alla fondazione stessa dell'istituzione religiosa francescana. Principalmente sono presenti testi di ascetica e teologia spirituale ma non mancano volumi di tematica varia e notevole valore.

Biblioteca diocesana S. Tommaso D'Aquino - Piedimonte Matese (CE)

Sono digitalizzate edizioni, in particolare del XVI sec., con testi di connotazione territoriale e di contenuto ecclesiastico.

Biblioteca del Conservatorio di musica S. Pietro a Majella - Napoli

Importanti e rari trattati teorici come anche di non poche stampe musicali antiche, risalgono al nucleo originario realizzato, con doni e acquisti, nel Conservatorio della Pietà dei Turchini da Saverio Mattei e Giuseppe Sigismondo verso la fine del ‘700 confluiti nell'attuale Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli.

Biblioteca provinciale - Potenza

La Biblioteca provinciale di Potenza, istituita nel 1899, conserva in originale periodici lucani presenti nell' OPAC del Servizio bibliotecario nazionale (SBN) della biblioteca e in quello della Biblioteca nazionale di Firenze e pervenuti quasi tutti per diritto di stampa. La raccolta digitale, che racchiude la storia della Basilicata, comprende attualmente 147 testate, 101.538 pagine, 6.514 fascicoli stampati dal 1808 al 1950.

Biblioteca nazionale Braidense - Milano

Periodici prevalentemente rappresentativi della stampa periodica milanese e lombarda tra Ottocento e Novecento, testimoni preziosi della vita sociale, politica, economica e scientifica del tempo.

Biblioteca provinciale Pasquale Albino - Campobasso

La collezione dei periodici del Molise è rappresentativa dell'intera produzione regionale, ad esempio il "Giornale economico rustico del Sannio" pubblicato tra il 1828 e il 1838, mensile di informazione scientifica per la diffusione di tecniche per l'agricoltura e la pastorizia. I movimenti politici del 1848 e gli anni successivi sono raccontati da "Il Sannita". Alcune testate sono state integrate con esemplari della Biblioteca nazionale centrale di Firenze.

Biblioteca universitaria - Padova

La collezione comprende attualmente una sessantina di pubblicazioni periodiche stampate a Padova prevalentemente nella seconda metà dell’Ottocento, che costituiscono un prezioso documento della vita cittadina in tutti i suoi aspetti.

Biblioteca Santa Teresa dei Maschi-De Gemmis - Bari

La collezione Emeroteca digitale della Puglia comprende circa 900 testate di periodici posseduti dalle biblioteche pugliesi. Una selezione di periodici stampati in Puglia o comunque attinenti il territorio pugliese, pubblicati tra Ottocento e Novecento. Nasce come progetto della Regione Puglia, Servizio Beni Culturali. Ufficio Archivi Biblioteche Musei, nell’ambito del finanziamento europeo POR FESR 2007-2013.

Fondazione Biblioteca pubblica arcivescovile Annibale De Leo

La collezione digitale contiene 184 lettere scritte fra il 1728 e il 1751 da Carlo de Marco, uno dei principali artefici del cambiamento e del riformismo del governo borbonico di Ferdinando IV. Le lettere, attraverso le quali è possibile ricostruire uno spaccato sia della vita personale del De Marco sia della vita pubblica di quegli anni, sono quasi tutte indirizzate all’avvocato Ferdinando De Leo.

Biblioteca e Archivio dell'Accademia filarmonica romana - Roma

Si tratta di componimenti eseguiti dall'orchestra dell'Accademia filarmonica romana: due cantate custodite in forma manoscritta e due melodrammi.

Biblioteca universitaria - Padova

La prima raccolta in folio delle opere di Shakespeare, Comedies, histories, & tragedies, pubblicata postuma a Londra nel 1623, si conserva nella Biblioteca Universitaria di Padova, unico esemplare in Italia. Si tratta di un prompt-book, appartenuto ad una compagnia di attori: due diverse mani hanno revisionato Macbeth, Measure for Measure e The Winter’s Tale per adattarli alla rappresentazione.