Dipartimento di studi greco-latini, italiani, scenico-musicali. “Sapienza" – Università di Roma

Disp04
Particolare dell'esterno del dipartimento
Home page di Biblioteca Italiana
Home page di Scrittori d'Italia

Il Dipartimento è stato istituito nel 1982 come Dipartimento di italianistica, erede del prestigioso Istituto di filologia moderna della Facoltà di lettere e filosofia, di cui per tanti anni è stato direttore Natalino Sapegno. Nel 1997 aggrega le discipline dello spettacolo e nel corso del 2010 cambia nuovamente in Dipartimento di studi greco-latini, italiani, scenico-musicali. Il Dipartimento, all’avanguardia nell’utilizzo delle nuove tecnologie e nella promozione e divulgazione dei testi digitali, ospita Biblioteca Italiana (BibIt), biblioteca digitale di testi rappresentativi della tradizione culturale e letteraria italiana dal Medioevo al Novecento. BibIt è promossa dal Centro interuniversitario Biblioteca italiana telematica (CiBit), ed è gestita dalla sua unità attiva presso l'Università di Roma La Sapienza, con il supporto del progetto Biblioteca Digitale Italiana (BDI) del Ministero per i beni e le attività culturali. BibIt ha pubblicato oltre 1700 opere della tradizione culturale italiana, tutte liberamente accessibili e scaricabili. Tra le possibilità offerte, accesso e lettura dei testi, strumenti di ricerca contestuale, di prossimità e full-text, creazione di concordanze dinamiche. Oltre a ciò, BibIt ha rivestito un ruolo importante nella digitalizzazione dei testi in altri tre progetti presenti su Internet Culturale: Scrittori d’Italia, progetto volto alla riproduzione digitale dell'omonima collana di testi fondata nel 1910 dall'editore Laterza di Bari; Viaggi nel testo, excursus attraverso i luoghi, la vita, i testi dei maggiori autori della tradizione letteraria italiana; Incunaboli volgari, digitalizzazione di circa 1800 incunaboli volgari presenti nelle biblioteche italiane e straniere. Da non dimenticare, il Dipartimento ha elaborato lo Studio di fattibilità sul riassetto, la riorganizzazione e la nuova prospettazione dei contenuti del portale Internet Culturale, che è stato utilizzato come base di partenza per la gara di reingegnerizzazione che ha consentito la realizzazione della nuova versione di Internet Culturale.

Istituti collegati