Giovanni BoccaccioBoccaccio
Home pagepercorso testualepercorso tematicoCreditienglish version
punto
bordo
percorso biografico   Home Page > Percorso biografico > 1313-26 > Certaldo o Firenze ?

Certaldo o Firenze ?

fotografia I natali di Giovanni Boccaccio sono stati a lungo contesi tra Firenze e Certaldo, paese d’origine della famiglia paterna. Certo è che la nascita di questo figlio naturale di Boccaccio (o Boccaccino) di Chelino, ricco mercante attivo nel capoluogo fiorentino, si colloca tra il giugno e il luglio 1313.

Nulla si conosce circa l’identità materna, la cui oscurità ha alimentato fiabesche leggende, come quella sull’origine parigina di Boccaccio e sull’ascendenza regale della madre, presunta figlia del re di Francia. È lo stesso Giovanni a disseminare nelle opere indizi autobiografici allusivi e contrastanti, innescando un processo di idealizzazione del proprio vissuto che molto probabilmente si pone all’origine della sua biografia romanzesca. Soprattutto i lettori romantici e positivisti hanno creduto di estrapolare dalle pagine dell’autore testimonianze biografiche, arrivando a suffragare l’ipotesi di un’esistenza favolosa, che appare oggi profondamente ridimensionata.

Giovanni è accolto ben presto nella casa paterna e viene legittimato precedentemente al matrimonio di Boccaccino con Margherita de’ Mardoli, avvenuto prima del 1320. La preoccupazione del padre, facoltoso e influente mercante legato alla compagnia fiorentina dei Bardi, è quella di avviare il figlio fin dalla fanciullezza alla pratica della mercatura, come ricorda lo stesso Boccaccio in un famoso passo autobiografico (Genealogie: XV, X, 7[1]). Giovanni riporta magri risultati in quella attività lucrativa tanto caldeggiata da Boccaccino, che lo vuole uomo d’affari ad ogni costo. Migliori esiti ottiene invece nello studio delle lettere, iniziato verso i sei anni con i primi rudimenti di latino. Questi gli sono impartiti a Firenze dal grammatico Giovanni di Domenico Mazzuoli da Strada, padre del più famoso Zanobi, futuro compagno di scuola e corrispondente di Boccaccio.

[1]Genealogie deorum gentilium, a c. di V. Zaccaria, in Tutte le opere di Giovanni Boccaccio, a c. di V. Branca, vol. 7-8.2, Milano 1998, pp. 1560-1566.

on
off
off
off
off
            indietrostampaInternet Culturale
bordo
Percorso biografico - Percorso testuale - Percorso tematico
Home "Viaggi nel testo" - Dante Alighieri - Francesco Petrarca - Giovanni Boccaccio - Baldassarre Castiglione
Ludovico Ariosto - Torquato Tasso - Ugo Foscolo - Alessandro Manzoni - Giacomo Leopardi

Valid HTML 4.01 Strict        Valid HTML 4.01 Strict