titolo Dante AlighieriDante AlighieriDante AlighieriDante AlighieriDante AlighieriDante AlighieriDante Alighieri
Home pagepercorso biograficopercorso tematicoCreditienglish version
punto
bordo
Percorso testuale   Home Page > Percorso testuale > Le opere in volgare > La Commedia: genesi e datazione

La Commedia: genesi e datazione

Gli scarsi e incerti dati disponibili sulla fase progettuale della Commedia non consentono di circoscrivere con sicurezza le forme della sua genesi e di ricostruire puntualmente le fasi della sua ideazione. Se non è possibile indicare nella straordinaria opera su Beatrice annunciata in conclusione della Vita nuova un sicuro antecedente del poema, e se nessuna prova positiva permette di confermare la leggenda tramandata dal Boccaccio, secondo cui i primi sette canti dell’Inferno sarebbero stati composti a Firenze prima dell’esilio, appare invece assai plausibile che la stesura della Commedia sia da collocarsi intorno al 1307-8, contestualmente dunque all’interruzione del De vulgari e del Convivio. Proprio nel quarto trattato di quest’ultimo infatti compaiono alcuni temi, destinati ad ampi sviluppi nella Commedia, tra cui la riflessione sulla necessità e provvidenzialità dell’Impero, la denuncia della cupidigia che perverte l’ordine civile, la riflessione infine sulla vita umana come cammino, pellegrinaggio verso Dio.

Sulla base di queste considerazioni si può dunque ritenere probabile che l’avvio della composizione dell’Inferno vada collocato intorno al 1307 e che la sua pubblicazione definitiva debba però porsi oltre l’aprile del 1314, data in cui muore papa Clemente V, come profetizzato in Inf., XIX 78-87. Un’allusione in forma profetica alla battaglia di Montecatini del 29 agosto 1315 contenuta in Purg., XXIII 109-11, e l’indubitabile ripresa di alcuni versi della seconda cantica in volgarizzamento compendioso dell’Eneide realizzato da Andrea Lancia nel 1316, rappresentano il terminus ante quem del Purgatorio. Quanto alla stesura del Paradiso, che nella sua interezza circolò solo dopo la morte dell’autore, essa si protrasse certamente fino agli ultimissimi anni della vita di Dante, se ancora nella prima Egloga (1319-20) a Giovanni del Virgilio la terza cantica non ancora ultimata è contrapposta alle prime due già pubblicate.

on
off
off
          indietrostampatesto integraleInternet Culturale
bordo
Percorso biografico - Percorso testuale - Percorso tematico
Home "Viaggi nel testo" - Dante Alighieri - Francesco Petrarca - Giovanni Boccaccio - Baldassarre Castiglione
Ludovico Ariosto - Torquato Tasso - Ugo Foscolo - Alessandro Manzoni - Giacomo Leopardi

Valid HTML 4.01 Strict        Valid HTML 4.01 Strict