Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2005  »  Leonardo da Vinci: la vera immagine

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Wed Oct 19 00:00:00 CEST 2005

LEONARDO DA VINCI: LA VERA IMMAGINE

Dal 19 ottobre 2005 al 28 gennaio 2006: documenti e testimonianze sulla vita e sull'opera.

La locandina della mostra

La mostra, inaugurata il 19 ottobre alle ore 17, alla presenza di Salvatore Italia - Capo del Dipartimento per i Beni Archivistici e Librari del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Edoardo Speranza - Presidente dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Paolo Galluzzi - Presidente della Commissione Nazionale Vinciana, Rosalia Manno Tolu - Direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze, Pietro Cesare Marani - Presidente dell'Ente Raccolta Vinciana, proseguirà sino al 28 gennaio 2006.

Nella ricorrenza del centesimo anniversario della fondazione della Commissione per l'edizione nazionale dei manoscritti e dei disegni di Leonardo da Vinci, attualmente presieduta da Paolo Galluzzi, dalla collaborazione tra la Commissione e l'Archivio di Stato di Firenze, è nato il progetto di una mostra sulla vita di Leonardo da Vinci, di carattere prevalentemente documentario.
L'esposizione ripercorre la vita di Leonardo, assumendo quali tappe fondamentali del percorso documenti che segnano la ricostruzione della sua biografia: dai documenti archivistici, alle fonti letterarie, alle annotazioni autografe, ai disegni, ai manoscritti, molti dei quali pubblicati dalla Commissione Nazionale Vinciana, affiancati da illuminanti presenze iconografiche, capaci di trasformare il percorso espositivo in una sorta di tessuto ipertestuale, ricco di rinvii e di linguaggi formali diversi e complementari tra loro.

Le scansioni in cui si articola la mostra evocano, in progressione, l'immagine di Leonardo nell'iconografia dei secoli XVI - XX, le fasi principali della sua esistenza, le relazioni intrattenute e l'attività svolta, dalla nascita, a Vinci il 15 aprile 1452, alla morte, il 2 maggio 1519. 

Fanno da sfondo alla biografia dell'artista la Firenze rinascimentale governata dalla signoria medicea, la Milano di Ludovico il Moro, Mantova, Venezia, Firenze negli anni del gonfaloniere Pier Soderini, e nuovamente Milano occupata dai francesi, Roma al tempo del pontefice Leone X e, infine, la Francia del re Francesco I.

Il nucleo più cospicuo degli atti d'archivio esposti appartiene all'Archivio di Stato di Firenze: trentacinque documenti, dalla fondamentale annotazione relativa alla nascita di Leonardo, scoperta da Moller negli anni Trenta; l'atto fu rogato a Firenze il 4 luglio 1520 e, finora sconosciuto, è emerso dal lavoro di ricerca effettuato per la mostra.
Rilevanti e numerosi sono gli atti che provengono dagli Archivi di Stato di Mantova, di Modena e di Milano.
Provengono dalle Archives Nationales di Parigi le registrazioni delle pensioni pagate, per volontà del re Francesco I, a Leonardo e al suo giovane discepolo Francesco Melzi, negli anni 1517-1518. La lettera patente rilasciata da Cesare Borgia a Leonardo il 18 agosto 1502, costituisce, nell'Archivio Melzi d'Eril, l'unico testimone superstite dello straordinario lascito di manoscritti e disegni assegnato dal vinciano, al sopraggiungere della morte, a Francesco Melzi e dopo la scomparsa di questi interamente disperso e ora diviso tra biblioteche e musei di tutto il mondo. 
L'esposizione ripercorre la vita di Leonardo, contestualizzando i singoli elementi presentati e rompendo di volta in volta il loro isolamento, attraverso una rete di nessi storici evidenti.

L'Esposizione è stata realizzata grazie al finanziamento congiunto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze e della Commissione Nazionale Vinciana.





PHOTO GALLERY

anno mondiale fisica