Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2005  »  Cento anni di tutela

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Thu Sep 15 00:00:00 CEST 2005

CENTO ANNI DI TUTELA

Un convegno di studi il 19 settembre a Firenze promosso dal Comitato Nazionale.

Il Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Centenario del primo regolamento organico di tutela ha organizzato lunedì 19 settembre 2005 a Firenze, presso la Biblioteca degli Uffizi, il Convegno di studi Cento anni di tutela, che vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell’ On.le Rocco Buttiglione, Ministro per i Beni e le Attività Culturali, di Salvatore Italia, Capo Dipartimento per i Beni Archivistici e Librari e di Francesco Sicilia, Capo Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici.

Risale al 1904 l’approvazione del primo regolamento organico di tutela, scelto come momento di riferimento di un intero, intenso periodo, compreso fra 1902 e 1909, durante il quale furono adottati i primi, basilari provvedimenti legislativi per la protezione del patrimonio artistico nazionale. Già Ruggiero Bonghi, Ministro della Pubblica Istruzione nel pieno autunno della Destra storica, aveva voluto una Direzione Generale che avviasse e coordinasse la prima ed ancora embrionale azione di tutela dei beni artistici ed archeologici dell’Italia unita. Ma si trattava di un’azione di tutela per la quale non esistevano validi strumenti legislativi.
“La prima intuizione del bene artistico – scriveva Giovanni Spadolini nella introduzione al volume I beni culturali, all’indomani della nascita del Ministero – da tutelare secondo le leggi dello Stato e non secondo gli arbitri dei privati, rimonta all’età giolittiana. Fu negli anni fra il 1902 e il 1909 una vera rivoluzione…”.

Fu la “rivoluzione” che vide il varo della legge del 1902 (seguita dal regolamento del 1904) e quella del 1909 alle quali – pure attraverso modifiche e integrazioni successive – tanto si deve per il freno posto alla distruzione e dispersione del patrimonio nazionale.

È proprio su iniziativa della Fondazione Spadolini Nuova Antologia, con l’adesione di istituzioni culturali pubbliche e private, che si è poi costituito il Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario del primo regolamento organico di tutela, che rappresenta l’occasione per ripercorrere, attraverso una serie di iniziative, la lunga e fondamentale battaglia per la salvaguardia del patrimonio, dai più remoti provvedimenti alla nascita del Ministero per i Beni culturali, alla sua recente ristrutturazione, fino all’approvazione del Codice.

Di seguito il programma del Convegno di studi:

9.45 Saluti inaugurali
Leonardo Domenici Sindaco della città di Firenze

Antonio Paolucci Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana

Prima seduta: Il nodo dell’inizio del secolo Presiede e apre i lavori
Salvatore Italia Capo Dipartimento per i Beni Archivistici e Librari

Storia della tutela negli Stati preunitari
Andrea Emiliani Già Soprintendente ai Beni Artistici e Storici di Bologna

Ruggiero Bonghi e la direzione generale delle antichità e delle belle arti
Angelo Varni
Università degli Studi di Bologna

Rava, Rosadi e la legge del 1909
Roberto Balzani
Università degli Studi di Bologna

Giuseppe Bottai e la legge di tutela del 1939
Alessandro Masi
Segretario Generale della Società Dante Alighieri

15.00 Seconda seduta: Dalla nascita del Ministero ad oggi
Presiede e apre i lavori
Francesco Sicilia Capo Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici

La Commissione Franceschini
Raffaele Tamiozzo
Capo Ufficio Legislativo del Ministero della salute

Giovanni Spadolini e la nascita del Ministero
Cosimo Ceccuti
Fondazione Spadolini Nuova Antologia

La valorizzazione delle risorse private
Alberto Ronchey
Editorialista del Corriere della Sera

Il Codice
Salvatore Settis
Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa

Conclusioni

Lo scenario prossimo venturo
On. le Rocco Buttiglione Ministro per i Beni e le Attività Culturali

Informazioni sul Convegno di studi:
Firenze, lunedì 19 settembre 2005
Biblioteca degli Uffizi Salone Magliabechiano Loggiato degli Uffizi