Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2005  »  Archivio sonoro Folco Quilici

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Mon May 14 14:38:00 CEST 2018

Ecco gli appuntamenti della Biblioteca Universitaria e della Biblioteca Nazionale di Napoli

Mon May 07 00:32:00 CEST 2018

Sono disponibili due nuove collezioni digitali del Sistema Bibliotecario di Ateneo di Firenze

Tue Apr 24 11:01:00 CEST 2018

 Ha inizio l’ottava edizione della campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura

Tue Jan 16 10:54:00 CET 2018

Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Fri Jul 22 00:00:00 CEST 2005

ARCHIVIO SONORO FOLCO QUILICI

Oltre ottocento nastri del regista catalogati e digitalizzati dalla Discoteca di Stato.

Il Faro di Alessandria

Nell’ambito della tutela e della promozione del patrimonio sonoro nazionale la Discoteca di Stato – Museo dell’Audiovisivo ha acquisito la raccolta di oltre ottocento nastri, frutto dell’intenso e quarantennale lavoro del regista Folco Quilici in Italia e all’estero: tracce sonore integrali dei suoi film-documentari e dei reportage, delle sue interviste, solo per citarne alcune a Borges, a Fellini ed a Henry Moore, documenti sonori di feste popolari italiane ed europee, registrazioni etnografiche dalle più remote latitudini.

Un patrimonio unico che la Discoteca di Stato sta catalogando e digitalizzando al fine di renderlo fruibile come compendio tecnico e scientifico alle immagini dei film di Quilici ma anche come uno strumento didattico di ricerca e conoscenza sulla storia, gli usi, le tradizioni della nostra civiltà come di quelle più lontane.