Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2007  »  Il Governo approva il Centro per il Libro e la Lettura

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Fri Feb 09 00:00:00 CET 2007

IL GOVERNO APPROVA IL CENTRO PER IL LIBRO E LA LETTURA

Il 2 febbraio 2007, il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema del DPR per la sua istituzione.

Il Logo del Baicr

Il 2 febbraio 2007, il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema del D.P.R. recante l’istituzione del Centro per il Libro e la Lettura, che prende il posto dell’Istituto per il Libro, ampliandone le competenze e le finalità per affrontare in modo efficace la drammatica condizione della lettura nel nostro Paese: secondo l’Istat, nel 2005 il 54,9% della popolazione ha dichiarato di non aver letto alcun libro nel tempo libero (e la percentuale sale al 67,1% nel Meridione).

Per la prima volta in Italia, analogamente a quanto succede in altri Paesi europei, si è giunti alla creazione di un organismo dotato di completa autonomia scientifica e amministrativa, che attua politiche di promozione del libro e diffusione della lettura assumendo una funzione di discussione, confronto e concertazione con tutte Istituzioni Pubbliche che esercitano competenze in materia, gli Enti territoriali e locali, con le categorie e le associazioni interessate (autori, scrittori, traduttori, editori, librai, bibliotecari e gli altri interlocutori impegnati nella filiera del libro).

Il Centro per lo svolgimento delle sue attività si avvale di un Consiglio, con funzioni consultive in ordine alle tematiche relative alla diffusione del libro e della lettura, e di un Comitato di indirizzo, con il compito di definire le strategie di intervento da sottoporre periodicamente al parere del Consiglio e di coadiuvare il Direttore del Centro nella esecuzione degli interventi programmati, nonché di monitorare i risultati tenendone informato il Consiglio.

La creazione del Centro è il risultato di un percorso partito dall’annuncio dato dal ministro per i Beni e le Attività Culturali Francesco Rutelli in occasione degli Stati generali dell’editoria dell’Associazione Editori Italiani, svoltosi lo scorso 21-22 settembre, in cui si sottolineava la necessità di dar vita a una struttura capace di definire un’unitaria politica di promozione del libro e della lettura e di proporre, in accordo con tutti coloro che a vario titolo se ne occupano in base alle proprie specifiche competenze, adeguate strategie di marketing culturale.

Finalità che hanno raccolto un’adesione unanime, sfociata nel Protocollo d’intesa siglato il 25 ottobre del 2006 a Palazzo Chigi, che ha dato avvio al percorso di definizione del regolamento, oggi approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri.

Il provvedimento, per diventare pienamente efficace, dovrà ora passare ai pareri della Conferenza Unificata, del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari.