Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2007  »  1807 - 2007. Bicentenario della Nascita di Garibaldi

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Tue Jun 26 00:00:00 CEST 2007

1807 - 2007. BICENTENARIO DELLA NASCITA DI GARIBALDI

Il 4 luglio per l'occasione tutti i musei e i siti statali saranno accessibili gratuitamente.

Il logo.

Il 4 luglio 2007 ricorrono duecento anni dalla nascita di Giuseppe Garibaldi e per l’occasione tutti i musei e i siti statali saranno accessibili gratuitamente.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, presieduto dal Sottosegretario Andrea Marcucci, intende valorizzare la figura dell’Eroe dei Due Mondi con una serie di eventi: mostre, convegni, visite guidate, proiezioni, laboratori.

Nessun protagonista del nostro Risorgimento raggiunse mai una popolarità paragonabile a quella di Giuseppe Garibaldi. Al suo nome sono legate molte tra le pagine più celebri della Unità italiana: la difesa di Roma nel 1849, l’impresa dei Mille, la vittoria di Bezzecca.
Ma le imprese militari non bastano da sole a spiegare lo straordinario fascino che ancora oggi esercita sulle persone. Ad esse vanno aggiunte la sua forza morale, il suo carattere semplice e i nobili ideali che l’animarono.

“Garibaldi gode di un immenso prestigio, perché ha reso all’Italia i più grandi servigi che possa renderle un uomo. Ha dato agli Italiani la fiducia in loro stessi”.
Queste parole, pronunciate da un testimone non certo sospettabile di finalità agiografiche, Camillo Cavour, bene riassumono i grandi meriti storici del condottiero dei Mille.