Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2009  »  Mario Soldati, letterato e storico dell'arte

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Thu Oct 01 00:00:00 CEST 2009

MARIO SOLDATI, LETTERATO E STORICO DELL'ARTE

Si terrà oggi, 1 ottobre, una conferenza sull'autore presso lo Stabat Mater dell'Archiginnasio

Logo della Fiera del Libro

Presso la Sala dello Stabat Mater dell'Archiginnasio di Bologna, oggi giovedì 1 ottobre 2009, alle ore 17,30, si terrà la conferenza "Mario Soldati, letterato e storico dell'arte" di Marco Antonio Bazzocchi. Interverranno Giacomo Iori e Giuliana Zagra.

L'italianista Marco Antonio Bazzocchi prenderà in esame alcuni racconti di Soldati da lui particolarmente amati, mentre il professor Giacomo Iori presenterà il libro Boccaccino di Soldati, appena pubblicato dalla casa editrice Aragno.
Giuliana Zagra, già curatrice insieme ad Anna Soldati della mostra di "Mario Soldati: la scrittura e lo sguardo", ne presenterà la versione digitale inserita sul Portale Internet culturale del Ministero per i beni e le attività culturali.

Soldati è uno degli autori più imponenti e inafferrabili del '900: sembra aver fatto di tutto, tra racconti, romanzi, film, documentari, reportage ecc. ma sembra impossibile cogliere nell'interezza il suo profilo. In realtà Soldati è un autore che guarda all'indietro, al secolo che lo precede, con una nostalgia incolmabile, ma conosce perfettamente i tormenti della sua epoca. Sembra un autore limpido, ma è uno degli autori più torbidi e tormentati che l'Italia abbia avuto. Basta fare il confronto con Moravia, le cui esibizioni ideologiche sbiadiscono se messe vicino ai contorcimenti esistenziali, psicologici e comportamentali dei personaggi di Soldati. In Soldati tutto è doppio: le trame, i personaggi, le situazioni. Tutto nasconde un secondo aspetto, la verità è sempre nascosta e inseguita affannosamente, forse senza risultato. I racconti lunghi sono la misura migliore dell'opera di Soldati: su alcuni di questi (La confessione, La giacca verde, La finestra, il padre degli orfani) si fermerà il mio discorso. (Marco A. Bazzocchi)