Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2013  »  Mapping Our World: Terra Incognita to Australia

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Wed Oct 18 12:47:00 CEST 2017

14 e 15 novembre 2017
Biblioteca dell'Archiginnasio, Bologna

Tue Oct 03 12:30:00 CEST 2017

Dal 28 settembre 2017 è attiva la Banca Dati per inserire programmi ed eventi


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Mon Nov 18 14:45:00 CET 2013

MAPPING OUR WORLD: TERRA INCOGNITA TO AUSTRALIA

Il Mappamondo di Fra’ Mauro, uno dei tesori della Biblioteca Nazionale Marciana, sarà eccezionalmente in mostra alla National Library of Australia fino al 10 marzo 2014

RusselCrowe-Messina

Il Mappamondo di Fra’ Mauro, uno dei tesori della Biblioteca Nazionale Marciana, sarà eccezionalmente in mostra alla National Library of Australia (Canberra) fino al 10 marzo 2014, in occasione dell’esposizione Mapping Our World: Terra Incognita to Australia. In mostra sarà inoltre esposto anche il cod. marc. Gr. Z. 388 (=333): Ptolemaeus Claudius, Geographiae libri octo, uno dei cimeli più preziosi e importanti conservati dalla Biblioteca Nazionale Marciana, realizzato su commissione del Cardinale Bessarione, suo fondatore.

La Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti culturali e il Diritto d’autore del Ministero dei Beni e della Attività culturali e del Turismo, a seguito della richiesta della Biblioteca e delle relazioni tecniche che hanno fornito le garanzie necessarie, ha autorizzato l’esportazione temporanea dei preziosi manufatti in considerazione dell’importanza della mostra, consentendo al pubblico australiano ed internazionale, e in particolare alla comunità italiana presente in Australia, di ammirare per la prima volta alcune mappe e carte geografiche, spesso dei capolavori assoluti, che hanno fatto la storia della cartografia come scienza della rappresentazione del mondo. Tali documenti permetteranno in particolare di seguire il modo in cui gli esploratori europei hanno mano a mano rivelato le caratteristiche ed i segreti delle terre dell’emisfero australe.

Alla mostra hanno concesso importantissimi prestiti anche la Biblioteca Apostolica Vaticana, La British Library e la Bibliothèque Nationale de France.

Il Mappamondo di Fra’ Mauro, creato e “costruito” da Fra’ Mauro, frater conversus del Monastero Camaldolese di San Michele in Isola nella laguna veneziana, e completato nel 1460, costituisce il più importante testimone del passaggio della scienza cartografica dal Medioevo all’Età moderna, che per la storia della cartografia significa il passaggio dalla rappresentazione del mondo come “repertorio di conoscenze, ipotesi, dicerie, leggende, testimonianze alle quali si tenta di dare rappresentazione grafica” (Piero Falchetta) alla rappresentazione del mondo come precisa e compiuta definizione dello spazio. Non a caso questo “passaggio” avviene a Venezia, che a metà del Quattrocento costituisce uno dei maggiori centri di elaborazione culturale, e non solo, dell’Europa cristiana.

Per la realizzazione di questo eccezionale prestito è stato determinante il contributo dell’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario del MiBACT, che ha gentilmente messo a disposizione i due funzionari responsabili del Laboratorio per la conservazione preventiva e del Laboratorio di restauro, che hanno accompagnato le opere nel loro viaggio in Australia insieme al Direttore ed al Responsabile dell’Ufficio Mostre della Biblioteca Nazionale Marciana.

Il Direttore generale della National Library of Australia, Anne-Marie Schwirtlich, ha dichiarato:
“Siamo orgogliosi che la partnership sviluppata con la Biblioteca Nazionale Marciana abbia permesso al Mappamondo di Fra Mauro, la maggiore delle mappe medioevali, di essere al centro della mostra. La National Library of Australia è particolarmente grata al Governo italiano per aver tanto generosamente concesso questo eccezionale prestito, che non solo sviluppa ulteriromente le forti relazioni culturali tra Australia e Italia, ma offre anche ai nostri visitatori un’occasione unica di ammirare una delle più famose mappe di ogni tempo.
Tutti gli oneri relativi alla preparazione e al trasporto di quest’opera sono stati generosamente sostenuti da Kerry Stokes AC, Noel Dan AM e Adrienne Dan, Nigel Peck AM e Patricia Peck, Douglas e Belinda Snedden, dall’Ambasciata italiana a Canberra e dalla National Library of Australia”.

Maggiori informazioni sulla mostra:
http://www.nla.gov.au/exhibitions/mapping-our-world

Ecco il video curato dalla National Library of Australia per conoscere il Mappamondo di Fra’ Mauro:

Dalla Biblioteca Nazionale Marciana alla National Library of Australia: