Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Eventi e novità  »  Archivio 2015  »  Alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma uno spazio espositivo permanente per Pasolini

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share


???pagina.contenuti???


Fri Oct 30 14:49:00 CET 2015

ALLA BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI ROMA UNO SPAZIO ESPOSITIVO PERMANENTE PER PASOLINI

Si inaugura il 4 novembre 2015 (ore 15.30), alla presenza del Ministro Dario Franceschini, la nuova area permanente dedicata a Pier Paolo Pasolini: «Ragazzi leggeri come stracci»

In occasione dei 40 anni dalla scomparsa di Pier Paolo Pasolini e all’interno dell’ampio progetto di valorizzazione affidato a Spazi900, la Biblioteca Nazionale riserva allo scrittore una nuova area espositiva permanente, non una mostra ma un luogo, unico e stabile per la prima volta a Roma, dove ricostruire la vita e le opere del Poeta. Pasolini infatti frequentò la Biblioteca ed essa oggi, anche dopo le donazioni degli eredi avvenute tra il 1977 e il 1996 ed insieme alle carte da lui inviate a Enrico Falqui (presenti nell’archivio del critico), rappresenta il punto di raccolta di una parte assai rilevante delle sue opere. Si tratta quindi di uno dei fondi più importanti della letteratura contemporanea posseduti dalla Nazionale insieme a quello di Elsa Morante, due intellettuali legati da una profonda amicizia e da un dialogo sia privato che letterario.
Per caratterizzare l’esposizione permanente «Ragazzi leggeri come stracci». Pier Paolo Pasolini dalla borgata al laboratorio di scrittura, la Biblioteca ospita una mostra fotografica sulle borgate romane tratte dall’Archivio di Rodrigo Pais (conservato presso l’Università degli Studi di Bologna) dal titolo Il fotografo in borgata. Scatti dall’archivio di Rodrigo Pais, a cura di Guido Gambetta e Glenda Furini. 
All'inaugurazione del 4 novembre è prevista la partecipazione dello scrittore Marco Lodoli che leggerà un suo scritto composto per l’occasione.

Il progetto, selezionato e finanziato dalla Commissione istituita dal Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo per le Celebrazioni di Pier Paolo Pasolini (presieduta da Dacia Maraini), ha avuto il sostegno della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali che ne ha sottolineato le caratteristiche in una conferenza stampa di presentazione dei molti eventi previsti.
Nel programma si inserisce anche la collaborazione con l'Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi, che fornirà testimonianze audiovisive per completare l'esposizione. Seguirà una rassegna cinematografica, riservata alle scuole, nella quale saranno proiettati i film più legati alle periferie: Accattone, Mamma Roma, La ricotta e Uccellacci e uccellini. Una postazione video permetterà invece di prendere visione di alcuni documentari.
Insieme al Centro per il libro e la lettura (e con l'Associazione Frascati Poesia) poi, si terrà una lettura scenica di Pilade di Pier Paolo Pasolini (regia di Graziano Piazza con la presenza dell'attrice Viola Graziosi) che diventerà il tema di un laboratorio sperimentale nel quale coinvolgere alcuni licei romani in una riflessione sul fattore politico del teatro pasoliniano.

A corollario delle celebrazioni sarà emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico il francobollo commemorativo di Pier Paolo Pasolini, che sarà presentato dal Sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. Nel corso dell'inaugurazione del 4 novembre si procederà alla cerimonia dell’annullo filatelico alla presenza del Presidente di Poste Italiane Luisa Todini.

Informazioni:
www.bncrm.librari.beniculturali.it