Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Edizioni antiche e trattati musicali della Biblioteca del Conservatorio di musica S. Pietro a Majella

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


EDIZIONI ANTICHE E TRATTATI MUSICALI DELLA BIBLIOTECA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA S. PIETRO A MAJELLA

Biblioteca del Conservatorio di musica S. Pietro a Majella - Napoli

La presenza nella biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella dei primi importanti e rari trattati teorici come anche di non poche stampe musicali antiche, risale al nucleo originario realizzato, con doni e acquisti, nel Conservatorio della Pietà dei Turchini da Saverio Mattei e Giuseppe Sigismondo verso la fine del ‘700.
Tra i testi teorici più importanti confluiti nella piccola biblioteca fondata nel 1791 dal Mattei e incrementata poi dal Sigismondo, si segnalano le “Dimostrazioni Harmoniche “ di Gioseffo Zarlino del 1571, il “Della prattica Musica, vocale et strumentale” di Scipione Cerreto del 1601 e l’”Introduttorio Musicale” di Girolamo Ruffa pubblicato a Napoli dal De Bonis nel 1701, la "Practica musicae vtriusque cantus excellentis Franchini Gaffori Laudensis" di Franchino Gaffurio, pubblicato a Venezia nel 1512.

Dopo la scomparsa del Sigismondo (1826) le raccolte furono incrementate soprattutto dai bibliotecari Francesco Florimo e Rocco Pagliara, dal duca Ernesto del Balzo Governatore del Conservatorio e, inoltre, dalle continue donazioni di privati che durano ancora oggi.