Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Composizioni sacre e strumentali di Johann Simon Mayr

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


COMPOSIZIONI SACRE E STRUMENTALI DI JOHANN SIMON MAYR

Biblioteca civica Angelo Mai - Bergamo

Johann Simon Mayr (1763 – 1845), dopo una solida formazione giovanile presso il collegio dei Gesuiti di Ingolstadt, frequenta l’università e si accosta all’Ordine degli Illuminati di Baviera. Negli anni Ottanta conosce il barone Thomas von Bassus e lo segue anche nei suoi viaggi in Italia. Dal 1791 al 1802 si stabilisce a Venezia per un periodo di formazione, a contatto con importanti musicisti, e per prestare la sua opera al Conservatorio dei Mendicanti. Da questo periodo Mayr ottiene una fama sempre crescente come compositore di opere liriche, farse, oratori e musica sacra.
Nel 1802 è nominato maestro di cappella della Basilica di S. Maria Maggiore in Bergamo e si adopera da subito per rinnovarne il repertorio, l’organico e la prassi musicale. Per ottenere bravi esecutori decide di istituire, nel 1805, le Lezioni caritatevoli di musica¸ una scuola dalla quale discende l’attuale Civico Istituto Musicale Gaetano Donizetti. Rimane stabilmente a Bergamo fino alla morte, con il doppio incarico di maestro di cappella e di direttore della scuola di musica, e con un ruolo sempre propositivo nei confronti dei principali teatri e istituti culturali cittadini.
Mayr fu senz’altro uno dei musicisti di maggiore rilievo della sua epoca: seppe padroneggiare e anche innovare le principali forme musicali in voga al suo tempo sia nella musica vocale profana e sacra, sia in quella strumentale.
Il fondo musicale Mayr, acquisito con varie donazioni a partire dal 1874, è testimone non soltanto dell’attività di Mayr come compositore, ma anche della sua attività di trascrittore di composizioni di altri musicisti precedenti o contemporanei e di collezionista di musiche, manoscritte o a stampa.