Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Manoscritti musicali della Biblioteca comunale Augusta

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


MANOSCRITTI MUSICALI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE AUGUSTA

Biblioteca comunale Augusta - Perugia

Oltre alla raccolta dei Corali di San Domenico, la Biblioteca comunale Augusta ha realizzato la digitalizzazione di altri due raccolte relative agli autografi di Francesco Morlacchi e ai frammenti di codici liturgici.
La raccolta Francesco Morlacchi (1784-1841) comprende un corpus di partiture autografe del compositore e direttore di orchestra, al quale è intitolato il teatro cittadino. Nato a Perugia nel 1784, Morlacchi visse a lungo a Dresda, dove ottenne l’incarico di direttore dell’Opera italiana e primo maestro della cappella reale. Nel testamento lasciava i propri manoscritti autografi all’amico Antonio Mezzanotte, intellettuale del capoluogo umbro. In seguito queste opere vennero acquistate dal conte Giovanni Battista Rossi-Scotti e da lui donate a personaggi ed enti diversi, per cui di tale patrimonio ormai si lamenta la dispersione. La Biblioteca Augusta si è fatta carico negli anni di recuperare ciò che era possibile reperire nel commercio librario; ultimo acquisto è stato la cantata inedita e sconosciuta “L’ape e la serpe”.
I frammenti dei codici liturgici, recuperati dai bibliotecari dell’Augusta da legature di altri manoscritti e volumi a stampa, sono databili ai secoli XII-XV e rappresentano spesso l’unica testimonianza di corpose raccolte di codici ora perduti appartenuti a chiese e conventi probabilmente cittadini.
Utilizzato come coperta anche il ms. 3065, famoso frammento di sei carte contenenti cantate dell’Ars nova, parte di un manoscritto conservato a Lucca (codice di Lucca o codice Mancini).
Probabilmente dalla donazione di Prospero Podiani giunsero alla biblioteca altri importanti reperti musicali come i manoscritti G 20 (cantate) e H 72 (intavolatura per chitarra), già presenti in biblioteca nella prima metà del XVII sec.