Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Fondo pucciniano Bonturi - Razzi

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


FONDO PUCCINIANO BONTURI - RAZZI

Biblioteca statale - Lucca

Il fondo pucciniano acquisito di recente dalla Biblioteca Statale di Lucca comprende 515 documenti, per lo più inediti, provenenti da congiunti particolarmente vicini a Puccini: Giuseppe (Beppe) Razzi, marito di Alaide (Ida) Bonturi, sorella di Elvira, la moglie di Puccini. Beppe Razzi era per il cognato una specie di “segretario”. I documenti raccolti dalla famiglia Razzi consentono quindi di ampliare e approfondire la conoscenza e lo studio della vita non solo familiare, ma anche artistica e professionale del Maestro lucchese.
La raccolta comprende, oltre alle 120 lettere inviate da Puccini a Razzi, quelle indirizzate al Maestro da personaggi illustri del tempo, come Arrigo Boito, Pietro Mascagni, Jules Massenet, Franz Lehar. Intorno a questo epistolario si sono venuti ad aggregare materiali diversi, quali cartoline postali, telegrammi, disegni di pugno del Maestro e caricature ma anche alcune preziose testimonianze musicali come gli autografi di una composizione inedita (Andantino per voce e pianoforte), due fogli con una variante del terzo atto della Fanciulla del West, a cui si affianca lo spartito Ricordi (1890) per canto e pianoforte di Edgar con numerosi interventi di mano dell’autore e indicazioni sceniche per la rappresentazione a Lucca nel 1891. L’acquisizione del fondo nella sua integrità e la sua catalogazione e digitalizzazione costituiscono un contributo di grande rilevanza alla definizione dell’immagine di un compositore molto amato.