Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Musica vocale sacra e profana a Modena nella seconda metà del Seicento

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


MUSICA VOCALE SACRA E PROFANA A MODENA NELLA SECONDA METÀ DEL SEICENTO

Biblioteca Estense universitaria - Modena

La collezione comprende manoscritti seicenteschi di Alessandro Stradella, non autografi, ma con valenza di originali, esemplari di quasi tutti i generi della produzione della sua epoca (c. 1639-1682): opera, oratorio, cantata, serenata, sonata, mottetto, madrigale, concerto grosso. I manoscritti contenenti le sue composizioni conservati presso la Biblioteca Estense di Modena costituiscono una delle più complete raccolte della sua musica. Tale collezione proviene dalla biblioteca dei duca d’Este cui era giunta attraverso fasi e provenienze diverse.
Accanto al nucleo stradelliano la collezione digitale comprende alcuni oratori del XVII secolo legati al ciclo di esecuzioni volute dal duca Francesco II in tempo di Quaresima e tenuti presso l’oratorio di San Carlo Rotondo, luogo di culto della confraternita di San Carlo. La musica si deve ai compositori più accreditati del periodo: oltre allo stesso Stradella compaiono i nomi di Pier Simone Agostini, Giovanni Paolo Colonna, Domenico Gabrielli, Antonio Giannettini, Flavio Lanciani, Giovanni Legrenzi, Alessandro Melani, Bernardo Pasquini e Alessandro Scarlatti.