Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Sito web

Home »  Collezioni  »  Manoscritti musicali di pregio del Conservatorio di Firenze

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

31.10.2014

Cento capolavori assoluti della Biblioteca Reale di Torino in mostra fino al 15 gennaio 2015

17.12.2014

Iniziativa culturale della Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma per salvaguardare e valorizzare i libri italiani

19.12.2014

Da sabato 6 dicembre a sabato 28 febbraio si svolge la campagna social #hointestaunlibro

12.11.2014

Scarica l'app per consultare il Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale sul tuo dispositivo mobile


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


MANOSCRITTI MUSICALI DI PREGIO DEL CONSERVATORIO DI FIRENZE

Biblioteca del Conservatorio statale di musica Luigi Cherubini - Firenze

La raccolta valorizza un cospicuo numero di manoscritti appartenenti al Fondo Basevi e alla Cassetta degli autografi della Biblioteca del Conservatorio di musica Luigi Cherubini di Firenze.
La collezione comprende manoscritti di musica sacra e profana, datati tra il XVI e il XX secolo, di celebri compositori come Vincenzo Bellini, Fernando Paer, Giovanni Paisiello, Alessandro Scarlatti, Alessandro Stradella, Claudio Monteverdi, Arcangelo Corelli, Giacomo Carissimi, raccolte di mottetti, cantate, arie e chanson, nonché preziosi autografi di Luigi Cherubini, Gaetano Donizetti, Gioachino Rossini.
In particolare il Fondo Basevi deriva la sua denominazione dal critico e compositore Abramo Basevi. Basevi nacque a Livorno nel 1818 e morì a Firenze nel 1885. Laureatosi in medicina, si dedicò a studi filosofici e letterari e si adoperò per la rinascita della musica strumentale in Italia. Nel 1859 dette vita alle “Mattinate Beethoveniane” e nel 1863 organizzò a Firenze i “Concerti popolari a grande orchestra”. In seguito riuscì a realizzare la sua idea di pubblicare a prezzi economici partiture e spartiti di musica classica con l’editore Guidi. Trasformò quindi la Sezione annessa all’Accademia di Belle Arti nell’attuale Conservatorio, al quale lasciò i suoi manoscritti e preziose collezioni.