Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Manoscritti musicali di pregio del Conservatorio di Firenze

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Mon May 14 14:38:00 CEST 2018

Ecco gli appuntamenti della Biblioteca Universitaria e della Biblioteca Nazionale di Napoli

Mon May 07 00:32:00 CEST 2018

Sono disponibili due nuove collezioni digitali del Sistema Bibliotecario di Ateneo di Firenze

Tue Apr 24 11:01:00 CEST 2018

 Ha inizio l’ottava edizione della campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura

Tue Jan 16 10:54:00 CET 2018

Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


MANOSCRITTI MUSICALI DI PREGIO DEL CONSERVATORIO DI FIRENZE

Biblioteca del Conservatorio statale di musica Luigi Cherubini - Firenze

La raccolta valorizza un cospicuo numero di manoscritti appartenenti al Fondo Basevi e alla Cassetta degli autografi della Biblioteca del Conservatorio di musica Luigi Cherubini di Firenze.
La collezione comprende manoscritti di musica sacra e profana, datati tra il XVI e il XX secolo, di celebri compositori come Vincenzo Bellini, Fernando Paer, Giovanni Paisiello, Alessandro Scarlatti, Alessandro Stradella, Claudio Monteverdi, Arcangelo Corelli, Giacomo Carissimi, raccolte di mottetti, cantate, arie e chanson, nonché preziosi autografi di Luigi Cherubini, Gaetano Donizetti, Gioachino Rossini.
In particolare il Fondo Basevi deriva la sua denominazione dal critico e compositore Abramo Basevi. Basevi nacque a Livorno nel 1818 e morì a Firenze nel 1885. Laureatosi in medicina, si dedicò a studi filosofici e letterari e si adoperò per la rinascita della musica strumentale in Italia. Nel 1859 dette vita alle “Mattinate Beethoveniane” e nel 1863 organizzò a Firenze i “Concerti popolari a grande orchestra”. In seguito riuscì a realizzare la sua idea di pubblicare a prezzi economici partiture e spartiti di musica classica con l’editore Guidi. Trasformò quindi la Sezione annessa all’Accademia di Belle Arti nell’attuale Conservatorio, al quale lasciò i suoi manoscritti e preziose collezioni.