Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Fondo Compact Disc

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

27.09.2016

Al via la campagna nazionale del MiBACT per promuovere in classe la lettura ad alta voce. Primo passo, 28 settembre con l'iscrizione delle scuole nel sito dedicato e inserimento delle iniziative nella banca dati

31.08.2016

Il Centro per il libro e la lettura sta provvedendo alla raccolta di libri per bambini e ragazzi (0-14 anni) da portare in dono alle zone colpite dal terremoto del 24 agosto scorso

28.07.2016

Online la mostra digitale del percorso espositivo allestito alla Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana dal 31 marzo al 22 luglio 2016

02.09.2016

Cosa accadeva un secolo fa? La guerra italiana, cronistoria illustrata degli avvenimenti


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


FONDO COMPACT DISC

Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi (Icbsa) - Roma

I compact disc audio rappresentano i supporti digitali che prevalentemente hanno sostituito quelli analogici. Dalla prima metà degli anni Ottanta sono entrati in commercio e di lì a poco hanno quasi del tutto fagocitato i dischi in vinile. Tuttora sono i supporti maggiormente utilizzati dalle case discografiche. L'Istituto sta provvedendo a digitalizzare tutto il patrimonio fonico realizzato su questo supporto perchè, come per altri supporti informatici, è molto sentito il problema della conservazione nel tempo sia degli oggetti che contengono le informazioni sia degli strumenti che ne consentono la fruizione. Il fondo cd presente nella collezione dell’Icbsa è composto da migliaia di documenti a testimonianza della cultura musicale del secolo XX ed è stato quasi del tutto digitalizzato. Questa procedura riguarda appunto anche gli oggetti che contengono già contenuti digitali, nella consapevolezza che, grazie alla rapida evoluzione tecnologica attuale non si garantisce una adeguata conservazione nel tempo.