Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Bibbia nel '500: edizioni, interpretazioni, censure

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


LA BIBBIA NEL '500: EDIZIONI, INTERPRETAZIONI, CENSURE

Biblioteca nazionale centrale - Firenze

Questa collezione comprende 35 edizioni in più volumi - interamente digitalizzate - tra le più rappresentative della Sacra Scrittura di epoca umanistica-rinascimentale che rispecchiano la complessità del dibattito tra cattolici e riformati con particolare attenzione al territorio toscano in generale, fiorentino e senese in particolare. e che documentano le trasformazioni e la circolazione del testo biblico nei primi secoli dell'arte della stampa.
Tra le più significative l’edizione del Fondo Palatino del Malerbi del 1490, la prima Bibbia dotata di frontespizio e per la prima volta illustrata, realizzata nella tipografia di Lucantonio Giunti che contiene 208 silografie nel primo volume e 176 nel secondo che rendono l'opera uno dei capolavori editoriali del ‘400. Poi ancora la Bibbia Sisto-Clementina edizione definitiva della Vulgata, approvata da Clemente VIII e stampata a Roma nel 1592 e infine, l’esemplare Diodatina del Fondo Magliabechiano di Giovanni Diodati del 1607, la prima importante e fedele traduzione in lingua italiana che ha rivestito il ruolo di versione ufficiale della Bibbia per i protestanti italiani e alcuni esemplari delle edizioni cinquecentesche della Bibbia nella traduzione italiana di Antonio Brucioli conservati nel fondo Guicciardini, una documentazione particolarmente importante per lo studio della Riforma.