Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Sito web

Home »  Collezioni  »  Carteggio Placido Tardy

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

31.10.2014

Cento capolavori assoluti della Biblioteca Reale di Torino in mostra fino al 15 gennaio 2015

17.12.2014

Iniziativa culturale della Fondazione Lelio e Lisli Basso di Roma per salvaguardare e valorizzare i libri italiani

19.12.2014

Da sabato 6 dicembre a sabato 28 febbraio si svolge la campagna social #hointestaunlibro

12.11.2014

Scarica l'app per consultare il Catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale sul tuo dispositivo mobile


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


CARTEGGIO PLACIDO TARDY

Biblioteca universitaria - Genova

Il Carteggio del matematico Placido Tardy (Messina 1816-Firenze 1914), donato alla Biblioteca universitaria di Genova nel 1925 dal professore Gino Loria, al quale rimane legata la segnatura dell’epistolario, è caratterizzato dalla corrispondenza (784 unità) di prestigiosi matematici italiani (G. Bellavitis, E. Beltrami, E. Betti, F. Brioschi, F. Casorati, ecc.) e stranieri (A. Cayley, P.G.L.G. Dirichlet, J. A. Grunert, T. A. Hirst, ecc.) col Tardy, professore universitario e attivista politico risorgimentale. Tra scambi di tipo scientifico, soprattutto nelle missive di Gabrio Luigi Cremona, trapelano questioni di carattere politico. Particolarmente interessante è la storia del sacerdote e matematico Domenico Chelini il quale, non potendo prestare giuramento allo Stato italiano, proprio in quanto sacerdote, rischia di perdere la possibilità di insegnare matematica e di ricevere un sussidio pensionistico per l'insegnamento svolto negli anni. Anche nelle missive di Angelo Genocchi traspaiono questioni politiche post unitarie e passioni risorgimentali mai sopite. Interessanti poi le lettere dell'astronomo Cristian Heinrich Friedrich Peters protagonista dei moti rivoluzionari del 1848 a Messina e Catania. L'arco cronologico del carteggio è 1837-1904. Il progetto di digitalizzazione e studio del carteggio è stato realizzato in collaborazione con le cattedre di matematica dell'Università degli studi di Palermo (professore Aldo Brigaglia) e Genova (professoressa Giuseppina Fenaroli) e finanziato con i fondi di un Progetto di ricerca (PRIN) per gli anni 2006-2008 dedicato a La nascita della scuola italiana di Matematica: pubblicazione di archivi elettronici e di carteggi.