Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Angelo Frontoni, il fotografo delle dive

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r

Fri Mar 10 09:24:00 CET 2017

Apre la banca dati del Maggio dei Libri: inserite le vostre iniziative

Thu Feb 16 00:16:00 CET 2017

Alla Biblioteca Medicea Laurenziana in esposizione oltre 70 opere tra pezzi rari e antichi, papiri, manoscritti, carte geografiche, disegni, incisioni e acquerelli


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


ANGELO FRONTONI, IL FOTOGRAFO DELLE DIVE

Museo nazionale del cinema - Fondazione Maria Adriana Prolo - Torino

Angelo Frontoni (Roma 1929 – Roma 2002) ha lasciato un archivio integro e ben organizzato, costituito da 539.000 immagini che documentano un importante spaccato della storia del cinema e del costume nazionali.
L’archivio fotografico raccoglie il frutto di cinquant’anni di lavoro di Angelo Frontoni, universalmente noto come “il fotografo delle dive”: Gina Lollobrigida, Sophia Loren, Virna Lisi, Brigitte Bardot, Catherine Deneuve, Monica Bellucci, Federico Fellini, Luchino Visconti, Roberto Rossellini, Roget Vadim, Sidney Lumet, sono solo alcuni degli innumerevoli personaggi immortalati da Frontoni. Prevalgono i soggetti femminili, ripresi sul set, per servizi di moda e per foto pubblicitarie. E questo viaggio ci accompagna anche nei momenti più intimi della vita dei personaggi, ma anche in questo caso la realtà riprodotta dal suo obiettivo è fortemente controllata e caratterizzata da quell’alone di glamour che contraddistingue tutta la sua produzione.
Certo non meno affascinante è la ricca raccolta di foto di set, immagini in bianco e nero: fotografie di grande bellezza e interesse che documentano il lavoro del set e dei suoi protagonisti; la macchina fotografica si sofferma su attori, registi, tecnici, seguendoli durante le riprese e nei momenti di relax.
La collaborazione tra il Centro sperimentale di cinematografia-Cineteca nazionale e il Museo nazionale del cinema ha realizzato un importante progetto di valorizzazione dell’archivio, articolata in un’attività di catalogazione e di parziale digitalizzazione dei materiali, al fine di rendere l’opera di Frontoni fruibile al grande pubblico.