Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Fondo Morani. Locandine del Teatro Fraschini. Sec. 19. - 20.

Pagina dei contenuti


FONDO MORANI. LOCANDINE DEL TEATRO FRASCHINI. SEC. 19. - 20.

Biblioteca universitaria - Pavia

La collezione di locandine raccolte da Agostino Morani è stata donata dal figlio Dario alla Biblioteca Universitaria nel 1978.
Consiste in 1045 documenti fissati su supporto di cartone e raccolti in 7 faldoni ad anelli, di cui 1 relativo al Teatro Fraschini, 5 al Teatro Guidi, 1 a teatri vari della città di Pavia, quasi tutti risalenti al periodo tra gli anni 1880 e il 1925. La presente collezione digitale è relativa ai soli documenti del teatro Fraschini e contiene prevalentemente locandine di spettacoli teatrali, di opere in prosa o di musica lirica, ma vi troviamo anche concerti, accademie vocali e strumentali, saggi di scherma, di magia e di acrobazia, balli pubblici e veglioni di carnevale e, infine, qualche programma di intere stagioni di lirica o prosa.
Sono documenti effimeri per eccellenza, se presi singolarmente, in ragione dello scopo precipuo per cui nascono, senza alcuna intenzione di sopravvivenza all'attualità del messaggio contenuto, e per la loro diffusione limitata nel tempo e nello spazio, effimeri anche nella loro materialità, stampati spesso su carta scadente ed esposti al pubblico, alle intemperie e al rischio di strappi e lacerazioni, ma nella complessità della raccolta acquistano l'importanza di una fonte storica: ci parlano e ci informano della vita quotidiana della città, delle sue opportunità di cultura e di svago, delle persone a vario titolo coinvolte nelle attività molteplici dei teatri di Pavia.
L’obiettivo del progetto è di avviare un censimento della presenza di riferimenti letterari alle rappresentazioni cartografiche e nello stesso tempo di sollecitare ulteriori contributi così da realizzare un database tematico.