Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Fondo Urbinate della Biblioteca universitaria Alessandrina

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Apr 12 12:33:00 CEST 2017

Un archivio online di tutti gli antichi manoscritti della Commedia di Dante

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r

Fri Mar 10 09:24:00 CET 2017

Apre la banca dati del Maggio dei Libri: inserite le vostre iniziative

Thu Apr 06 00:59:00 CEST 2017

I 27 manoscritti del compositote Antonio Vivaldi in esposizione alla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


IL FONDO URBINATE DELLA BIBLIOTECA UNIVERSITARIA ALESSANDRINA

Biblioteca universitaria Alessandrina - Roma

La Libraria nuova di Francesco Maria II, ultimo duca di Urbino, é il nucleo fondante della Biblioteca Universitaria Alessandrina che, grazie alla prestigiosa collezione, poté configurarsi come biblioteca universitaria di prestigio, in grado di rappresentare il sapere dell’epoca nelle sue varie declinazioni disciplinari. La biblioteca urbinate era una delle raccolte più illustri e ricche del Rinascimento. Iniziata nella seconda metà del Quattrocento da Federico di Montefeltro, primo duca di Urbino, grande bibliofilo e committente di lussuosi manoscritti, la biblioteca aveva continuato ad accrescersi per più di un secolo e mezzo fino all’epoca dell’ultimo duca che vi aveva profuso fondi ed energie, costituendo a Urbania anche una seconda raccolta, composta soprattutto da libri a stampa, in grado di documentare i risultati più aggiornati della ricerca: la Libraria nuova di Urbania, famosissima all’epoca per la sua completezza e armonia. Alla morte di Francesco Maria la gran parte del prezioso fondo fu trasferito alla nascente biblioteca Alessandrina, mentre ad Urbania (già Casteldurante) rimasero 500 volumi a stampa conservati nella sede originaria e attualmente presenti nel fondo antico della Biblioteca Comunale. Nell’ambito del progetto La libraria di Francesco Maria II della Rovere sono state digitalizzate tre classi semantiche: Artes variae, Relationes, Geographia, per un totale di 425 volumi e di circa 120.000 immagini. La scelta delle tre classi, oggetto anche di interventi di restauro e di manutenzione conservativa, nasce dal loro particolare interesse bibliografico ed iconografico.