Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Rariora Marciana

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Apr 12 12:33:00 CEST 2017

Un archivio online di tutti gli antichi manoscritti della Commedia di Dante

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r

Fri Mar 10 09:24:00 CET 2017

Tutte le iniziative in programma dal 23 aprile al 31 maggio 2017 su www.ilmaggiodeilibri.it

Thu Apr 06 00:59:00 CEST 2017

I 27 manoscritti del compositote Antonio Vivaldi in esposizione alla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


RARIORA MARCIANA

Biblioteca nazionale Marciana - Venezia

Fra il complesso delle raccolte della Biblioteca Nazionale Marciana sono stati individuati alcuni ambiti di particolare interesse e di contenuto coerente con la secolare storia della Biblioteca e della Repubblica di Venezia: incunaboli appartenuti al cardinale Bessarione, incunaboli e cinquecentine stampati da Aldo Manuzio e postillati, incunaboli e cinquecentine stampati su pergamena, opuscoli e raccolte di rappresentazioni relativi agli avvenimenti che precedettero e seguirono la battaglia di Lepanto, raccolte di componimenti per grandi feste e celebrazioni pubbliche di Venezia (le regate storiche, le corse dei tori, le rappresentazioni per celebrare San Marco).
La Biblioteca Marciana deve la sua origine al mecenatismo del cardinale Bessarione: nel 1468 donò la sua raccolta di codici a Venezia, in considerazione della fiducia nella solidità politica della Repubblica e dell’impegno della medesima a permettere la libera consultazione di tutte le opere agli studiosi. Vi aggiunse alcune opere a stampa, ventitré incunaboli stampati a Roma e Foligno fra il 1467 e il 1472, anno della sua morte.
Aldo Manuzio, uno dei più rappresentativi editori/tipografi nella storia della stampa, scelse nel 1490 come sede per la sua tipografia Venezia, dove strinse molti legami di studio e amicizia con letterati e artisti. Nel 1502, grazie agli assidui rapporti con intellettuali e studiosi, Manuzio fondò l’Accademia Aldina dedicata allo studio dei classici greci.
Venezia, teatro di grandi imprese editoriali, fu considerata sino alla metà del XVI secolo la capitale europea della stampa. Le stamperie in laguna erano oltre centocinquanta, non soltanto veneziane, ma anche espressione delle comunità straniere che vi risiedevano.