Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Storia locale. Trani

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


STORIA LOCALE. TRANI

Biblioteca comunale Giovanni Bovio - Trani

La collezione digitale racchiude diverse tipologie di documenti (in gran parte manoscritti, ma anche incunaboli, cinquecentine e periodici ante 1950) quasi tutto di contenuto storico locale. Del fondo manoscritti della biblioteca G. Bovio, che in tutto comprende 48 complessi archivistici per un totale di 386 unità archivistiche, sono state digitalizzate le sezioni Università di Trani, Fusco-Del Carretto e Sarlo. Il primo fondo è il più cospicuo e comprende documenti (sec. XVI-XX) inerenti la storia di Trani e parte dei registri dell’archivio storico della città per il periodo 1668-1880. Degni di menzione sono il Libro Rosso della città di Trani, codice nel quale sono trascritti i privilegi concessi alla città tra i sec. XII-XVI e la Cronistoria di Trani di Ferdinando Lambert (1835-1932), corredata da 4 volumi di documenti scritti in parte originali e un notiziario-indice, anche in 4 volumi, che costituisce una fonte inesauribile di dati e notizie storiche sulla vita di Trani in ogni tempo. Il secondo fondo consta di 13 unità archivistiche donate dalla contessa Ida Grecca del Carretto nel 1909. Contiene manoscritti autografi della stessa e del marito, Edoardo Fusco, una delle più nobili figure del nostro Risorgimento. Si tratta di scritti vari di ricordi personali e componimenti poetici. Rilevante è l’album di autografi di scrittori, scienziati e uomini politici del sec. XIX, come Hugo, De Amicis, Zolà, Mazzini, Garibaldi, Carducci corredati da acquerelli e disegni a matita e a penna di buon valore artistico. Il terzo fondo consta di 9 unità archivistiche, in parte donate dagli eredi della famiglia Sarlo ed in parte dagli eredi della famiglia Beltrani nel 1959. I manoscritti, quasi tutti dell’ing. Francesco Sarlo, ispettore onorario dei monumenti di Trani per il periodo 1879-1906, risultano interessanti per la storia e la descrizione artistica dei maggiori monumenti della città pugliese. Oggetto di digitalizzazione anche due incunaboli conservati dalla Bovio, il Libro d’Ore del 1521, che è la cinquecentina più antica posseduta dalla biblioteca e il volume degli Statuta firmanorum del 1589, copia dell’edizione del 1507 edita a Venezia, che contiene il primo codice del mare promulgato a Trani. Il progetto ha riguardato anche alcuni periodici ante 1950, sempre di contenuto storico-locale.