Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Sito web

Home »  Collezioni  »  Viaggiatori stranieri in Italia: fondo Tursi

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

09.01.2015

La Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale ha pubblicato l'Avviso per la selezione di iniziative culturali commemorative della Prima Guerra Mondiale

19.12.2014

Da sabato 6 dicembre a sabato 28 febbraio si svolge la campagna social #hointestaunlibro

22.01.2015

Inaugura il 10 febbraio 2015, una sala permanente "La stanza di Elsa" dedicata alla Morante ed una Galleria che ospita la mostra "900 in 8 tempi"

30.01.2015

E' il primo importante esempio di riuso degli Open Data dell’Anagrafe delle Biblioteche Italiane


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


VIAGGIATORI STRANIERI IN ITALIA: FONDO TURSI

Biblioteca nazionale Marciana - Venezia

La Biblioteca Nazionale Marciana ha collaborato al progetto di biblioteca digitale della BEIC (Biblioteca Europea di Informazione e Cultura) per la collezione Viaggi in Italia e nel mondo, mettendo a disposizione una selezione di volumi del Fondo Tursi, pubblicati dal Cinquecento alla fine dell'Ottocento.
Un itinerario storico e pittoresco in un'Italia vista attraverso gli occhi di viaggiatori stranieri, di volta in volta attratti e affascinati dalle sue bellezze artistiche e ambientali e al contempo capaci di coglierne i forti contrasti sociali: dalla descrizione del Lazio di Athanasius Kircher alle Lettere di Rabelais, dalle Observations sur l'Italie di Pierre-Jean Grosley alle lettere di Lady Mary Wortley Montague.
Il Fondo Tursi - che raccoglie 26.000 documenti, fra libri, opuscoli, stampe e raccolte di articoli - fu donato alla Biblioteca Marciana nel 1968 da Angiolo Tursi (Taranto 1885- Venezia 1977).Figura atipica di intellettuale, impegnato attivamente in politica negli anni della ricostruzione del secondo dopoguerra, fu al contempo capace di coltivare la passione che segnò la maggior parte del suo lavoro intellettuale: lo studio, la ricerca, la raccolta e la classificazione di opere di viaggio, inizialmente dedicato ai viaggi a Venezia, successivamente esteso ai viaggi in Italia, lavoro iniziato fin dagli anni Trenta e proseguito fino alla sua morte.
Nel Fondo si trovano resoconti di viaggio di autori stranieri - letterati, politici, artisti, storici dal XVI al XX secolo - opere di interesse storico documentaristico, raccolte di stampe, oltre ai testi letterari di quegli autori che maggiormente subirono il fascino della cultura e dell'ambientazione italiana nelle loro opere.