Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Volumi e periodici del fondo antico dell’Osservatorio astronomico di Capodimonte

Pagina dei contenuti


VOLUMI E PERIODICI DEL FONDO ANTICO DELL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI CAPODIMONTE

Biblioteca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica-Osservatorio Astronomico di Capodimonte

La collezione digitale dell’Istituto nazionale di astrofisica-Osservatorio astronomico di Capodimonte (INAF-OAC) rappresenta, insieme alla pubblicazione del catalogo a stampa delle cinquecentine, la naturale conclusione di un progetto di valorizzazione del patrimonio antico della biblioteca promosso dall’Osservatorio nel 2010 e finanziato dalla Regione Campania con fondi POR FESR 2007/2013. La collezione propone la digitalizzazione integrale di un cospicuo numero di edizioni rare e di pregio (120), stampate nel corso dei secoli XV-XIX, e di una serie di annate di periodici scientifici napoletani, pubblicati tra la fine del XVIII e gli inizi del XX secolo. Partendo dall’incunabolo del 1488, il famoso Tractatus de sphaera di Johannes de Sacrobosco, forse il testo di astronomia pre-copernicana più letto fino al XVII secolo nelle università europee, si passa alle edizioni del Cinquecento che comprendono alcuni capisaldi della storia del pensiero scientifico universale. Basti ricordare, su tutti, il De reuolutionibus orbium coelestium di Niccolò Copernico, i cui esemplari custoditi nella biblioteca dell’Osservatorio (prima e seconda edizione rispettivamente datate 1543 e 1566) recano evidenti i segni degli interventi operati dalla censura. Tra le opere del XVII secolo varie sono le edizioni napoletane presenti nella collezione digitale: tra esse spiccano la Lettera sopra l'opinione de' Pittagorici, e del Copernico, della mobilità della terra e stabilità del sole del padre carmelitano Paolo Antonio Foscarini, opera abbastanza rara stampata a Napoli nel 1615 e messa all’indice nel 1616, e il testo di Francesco Fontana del 1646 Nouae coelestium, terrestriumque rerum obseruationes. Per dare infine una panoramica complessiva del materiale custodito in biblioteca, sono state inserite nella collezione digitale anche alcune opere settecentesche come le preziose edizioni inglesi dei Philosophiae naturalis principia mathematica di Isaac Newton e la raccolta completa degli atlanti stellari.