Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  collezione di arie d'opera della Biblioteca del Conservatorio di musica S. Pietro a Majella

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Mon May 14 14:38:00 CEST 2018

Ecco gli appuntamenti della Biblioteca Universitaria e della Biblioteca Nazionale di Napoli

Mon May 07 00:32:00 CEST 2018

Sono disponibili due nuove collezioni digitali del Sistema Bibliotecario di Ateneo di Firenze

Tue Apr 24 11:01:00 CEST 2018

 Ha inizio l’ottava edizione della campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura

Tue Jan 16 10:54:00 CET 2018

Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


LA COLLEZIONE DI ARIE D'OPERA DELLA BIBLIOTECA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA S. PIETRO A MAJELLA

Biblioteca del Conservatorio di musica S. Pietro a Majella - Napoli

La cospicua raccolta di arie staccate della Biblioteca risale in buona parte al periodo della fondazione della Biblioteca (1791-1795) nel Conservatorio della Pietà dei Turchini da parte del “ regio delegato” Saverio Mattei.
A Giuseppe Sigismondo, collaboratore di Mattei in quel periodo e testimone diretto di un’alta civiltà musicale (Hasse, Leo, Paisiello, Cimarosa, Jommelli, ecc.) si deve il merito di aver incrementato la raccolta con le sue copie manoscritte donate all’atto della costituzione della Biblioteca e poi durante il non breve periodo di attività come bibliotecario nel Collegio di musica di San Sebastiano sorto dall’unificazione del Conservatorio della Pietà dei Turchini con quello di Santa Maria di Loreto a Capuana (1807).
L’incremento più importante, però, si ebbe nel 1827, un anno dopo la scomparsa di Sigismondo, quando la sua ricca e preziosa collezione privata, di cui facevano parte anche copie di vari copisti, fu venduta dai suoi eredi al Collegio che aveva ormai assunto il titolo di San Pietro a Majella sotto la direzione di Nicola Zingarelli.
La collezione offre una significativa panoramica della vita teatrale e del consumo privato della musica a Napoli, consentendo anche la ricostruzione della storia delle principali copisterie partenopee, alcune delle quali diventarono, nel corso della loro attività, le prime case editrici musicali della città.