Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Libretti per musica della Torino dei sec. 18.-19.

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Mon May 14 14:38:00 CEST 2018

Ecco gli appuntamenti della Biblioteca Universitaria e della Biblioteca Nazionale di Napoli

Mon May 07 00:32:00 CEST 2018

Sono disponibili due nuove collezioni digitali del Sistema Bibliotecario di Ateneo di Firenze

Tue Apr 24 11:01:00 CEST 2018

 Ha inizio l’ottava edizione della campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura

Tue Jan 16 10:54:00 CET 2018

Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


LIBRETTI PER MUSICA DELLA TORINO DEI SEC. 18.-19.

Biblioteca nazionale universitaria - Torino

La Biblioteca nazionale universitaria di Torino conserva diverse importanti raccolte di documenti musicali, tra cui quella collocata nella Sezione F di Magazzino generale. Tale collezione, ordinata in volumi miscellanei suddivisi per teatri e cronologicamente, comprende i libretti delle opere musicali e la descrizione dei balletti, questi spesso inseriti come intermezzi tra gli atti o come spettacoli finali dell’opera stessa, rappresentati per la maggior parte nei teatri di Torino tra il XVII e il XIX secolo. Nel 2014 il corpus teatrale è stato compreso in un progetto di rivalutazione che prevede la digitalizzazione completa dei fondi. Tale progetto, ancora in via di completamento, include i documenti relativi ai teatri Carignano, Regio, D’Angennes, Sutera e un piccolo blocco contenente opere rappresentate in altri teatri, non soltanto piemontesi. L’importanza di questi fondi è data in primo luogo dal grosso numero di testi in essi contenuti, che nel loro susseguirsi contribuiscono a creare una testimonianza cronologica delle stagioni teatrali, nonché del tipo di spettacoli prescelti per le esigenze di un pubblico di alta levatura sociale. Essi danno inoltre una testimonianza storica non soltanto dell’opera dei compositori, ma anche di tutto ciò che contornava l’allestimento degli spettacoli, dal direttore d’orchestra al coreografo, dal corpo di ballo all’elenco degli interpreti, degli scenografi e costumisti e macchinisti. Importante, inoltre, sia la provenienza da casa Savoia di una parte di essi, attestata dalla legatura alle armi, sia la rarità di molti libretti, soprattutto quelli di provenienza francese del periodo XVII-XVIII secolo, tra i quali si trova la maggior parte delle opere di Lully in prima rappresentazione.