Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Gaspare Spontini nella Biblioteca comunale Planettiana di Jesi

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


GASPARE SPONTINI NELLA BIBLIOTECA COMUNALE PLANETTIANA DI JESI

Biblioteca comunale Planettiana - Jesi

Il prezioso fondo spontiniano che dal 1889 è custodito presso la Biblioteca Planettiana fu donato al Municipio di Jesi da Carl Robert, erede di una famiglia legata a Spontini da rapporti d’intima amicizia e autore, egli stesso, di una delle prime biografie del musicista. La donazione consiste in manoscritti musicali e materiale documentario di varia natura risalente al soggiorno berlinese di Spontini (1820-1842). Il materiale musicale comprende manoscritti autografi o parzialmente autografi, ma in massima parte è opera di copisti afferenti alla Königliche Kapelle di Berlino, alle dirette dipendenze di Spontini; notevoli le redazioni manoscritte di libretti d’opera, fittamente postillati dal compositore. Nel corso della catalogazione è stato possibile accertare l’esatta provenienza dei frammenti sparsi e identicare gli autori delle opere anonime finora attribuite a Spontini. Nel fondo, successivamente al trasferimento a Jesi, confluirono anche manoscritti di origine diversa, databili fra l’ultimo quarto del XIX secolo ed i primi decenni del XX. Il materiale documentario comprende lettere di Spontini, carte relative all’amministrazione della Königliche Oper di Berlino – l’odierna Staatsoper – tra il 1819 e il 1845 circa e recensioni teatrali tratte da periodici parigini e berlinesi. Benché non afferenti alla donazione Robert, sono state incluse nel progetto di digitalizzazione rare edizioni ottocentesche, opere di compositori legati a Spontini da rapporti personali ed artistici, come Cesare Castelbarco Visconti e Giovanni Paggi, ed altro materiale di particolare pregio o rarità, come la partitura autografa dell’opera Donna Aurora di Francesco Morlacchi (1821) e l’unica copia esistente della cantata All’armi franche, “fatta per la Città di Jesi”, di Niccolò Zingarelli (1798).