Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Fondo Alberto Verso

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


FONDO ALBERTO VERSO

Biblioteca Luigi Chiarini del Centro sperimentale di cinematografia - Roma

Alberto Verso (Messina 1941 - Roma 2007) - Costumista e scenografo affermato in ambiente teatrale, cinematografico e televisivo, sia in Italia, sia all'estero. Debutta nel 1965 disegnando scenografie e costumi per l'opera La mandragola, messa in scena dalla Compagnia di Peppino De Filippo; collabora poi, come assistente, con Maurizio Monteverde nel film La traviata (1967) di M. Lanfranchi e nel frattempo con altri grandi costumisti come Maria De Matteis in Waterloo (1970) di S. F. Bondarčuk, Eugenio Guglielminetti in Orfeo in paradiso (1971) di L. Castellani, Ezio Frigerio nell'opera Wozzeck (1979) di L. Cavani. Grazie al sodalizio con il costumista Piero Tosi, partecipa a importanti produzioni determinanti per la sua affermazione come Il portiere di notte (1974), Al di là del bene e del male (1977), La pelle (1981) e Oltre la porta (1982) di L. Cavani, L'innocente (1976) di L. Visconti, Per le antiche scale (1975) e La storia vera della signora delle camelie (1981) di M. Bolognini e Il malato immaginario (1979) di T. Cervi. A teatro numerose sono le collaborazioni con il regista W. Pagliaro, mentre in televisione si ricordano gli sceneggiati La pietra di luna (1972) e I due prigionieri (1985) di A.G. Majano, Il segreto del Sahara (1988) e I guardiani del cielo (1999) di A. Negrin, La romana (1988) di G. Patroni Griffi, Il grande Fausto (1995) e Il furto del tesoro (2000) di A. Sironi. Altri suoi lavori al cinema da menzionare sono: Interno berlinese (1985) e Il gioco di Ripley (2003) di L. Cavani, (per il quale ha firmato i costumi di Chiara Caselli), Rebus (2003) di M. Guglielmi, Mio caro dottor Gräsler (1990) di R. Faenza (in collaborazione con la costumista Milena Canonero), L'Avaro (1990) di T. Cervi, La tregua (1997) di F. Rosi, Vipera (2001) di S. Citti.
Il Fondo è stato donato nel 2013 e si compone di 1819 bozzetti di costume e di scena, raccolti in 82 cartelle suddivisi per teatro, cinema e pubblicità, le quali rispettano l'ordinamento dato dal costumista, e 31 album di documentazione fotografica suddivisi per anni. Questa collezione mostra una selezione rappresentativa del fondo.