Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  fondo Antonio Cocchi. Le Effemeridi, 1722-1757

Pagina dei contenuti


IL FONDO ANTONIO COCCHI. LE EFFEMERIDI, 1722-1757

Biblioteca Biomedica. Università degli Studi - Firenze

Il Fondo Cocchi è uno dei principali fondi archivistici conservati presso la Biblioteca Biomedica dell’Università di Firenze. Il fondo comprende circa 150 volumi più un centinaio di carte, documenti e appunti sciolti che facevano parte della ricca collezione privata di Antonio Cocchi (1695-1758), personalità poliedrica, medico, naturalista, antiquario, bibliofilo, intellettuale e viaggiatore. Nato a Benevento, visse gran parte della propria vita a Borgo San Lorenzo (FI), località di origine della famiglia, e per questo si firmò “mugellano”. Laureatosi in Medicina e Philosophia a Pisa nel 1716, dal 1723 al 1726 intraprese un lungo viaggio in Europa toccando diversi paesi, venendo in contatto con le maggiori personalità scientifiche (Newton, Sherard, Pierre Coste) e ampliando notevolmente la sua formazione ben oltre il settore medico. Fu valente naturalista, membro dell'Accademia della Crusca e uno dei primi adepti della Massoneria, alla quale fu iniziato, come scrisse nelle suo diario manoscritto Effemeridi, il 4 agosto 1732, in una Loggia fiorentina che teneva le sue riunioni nel palazzo di famiglia. La sua eclettica formazione e l’importanza raggiunta soprattutto in ambito accademico lo portarono a occuparsi di importanti biblioteche fiorentine, la biblioteca Magliabechiana e la Biblioteca dell’Ospedale di Santa Maria Nuova, sede dell’importante omonima Scuola Medica e nucleo fondante dell’attuale Biblioteca Biomedica, alle quali gli eredi donarono in più riprese parte della ricchissima biblioteca personale che, alla sua morte, contava circa 16.000 volumi. La sezione più interessante del fondo Cocchi è costituita dai 103 quaderni di Effemeridi, diario privato che il Cocchi redasse con dovizia di particolari dal 1722 al 1757, in diverse lingue antiche e moderne, annotando le più svariate informazioni: dalla gestione delle spese personali ai malati curati; dalle condizioni meteorologiche alle persone incontrate, i luoghi visitati e le opere d’arte ammirate.