Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Edizioni antiche della Biblioteca S. Maria Occorrevole di Piedimonte Matese

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Wed Dec 06 00:05:00 CET 2017

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica su Europeana per capire come cittadini, professionisti e organizzazioni usino la piattaforma digitale dell'UE per il patrimonio culturale

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


EDIZIONI ANTICHE DELLA BIBLIOTECA S. MARIA OCCORREVOLE DI PIEDIMONTE MATESE

Biblioteca del Convento S. Maria Occorrevole - Piedimonte Matese (CE)

Per il progetto intitolato Catalogazione e digitalizzazione delle Cinquecentine e Seicentine della Biblioteca francescana di S. Maria Occorrevole sono stati scelti per la digitalizzazione duecentocinquantuno volumi rari, perché ad esempio andati all'indice dell'Inquisizione ma conservati nella piccola biblioteca conventuale, o aventi particolare pregio e importanza storica perché legati alla fondazione stessa dell'istituzione religiosa francescana. Sono testi di ascetica e teologia spirituale, secondo quanto prevedeva la rigida regola francescana. Presso il convento fu creata una Scuola di Spiritualità (“Disciplina et istituzione regolare per l’informazione e la formazione dell’uomo esteriore”), riconosciuta con bolla papale nel 1679. La presenza di frati che si distinguevano per cultura e prestigio, tuttavia, dotò nel tempo la biblioteca di testi di varia tematica e di notevole valore. La scelta dei volumi vuole riflettere questa ricchezza di contenuti.
Tra gli esemplari del Cinquecento va menzionato il Malleus maleficarum, nato a seguito della bolla Summis desiderantes affectibus del 1484 emanata da Innocenzo VIII. Il Malleus è stato, fino al 1650, il manuale inquisitoriale della caccia alle streghe a maggiore diffusione.
Tra gli esemplari del Seicento si inseriscono i voll. riguardanti la storia della Corona di Spagna con dedica manoscritta ai Frati direttamente per mano del sovrano spagnolo Leopoldo I. Particolarmente interessante è l'Epulario il quale tratta il modo di cucinare ogni carne, uccelli e pesci d'ogni sorte, volume significativo che riporta le pietanze tradizionali napoletane e regionali, ponendosi come testimonianza identitaria della cultura culinaria campana.