Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca Casanatense - Roma

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Oct 03 12:30:00 CEST 2017

Dal 28 settembre 2017 è attiva la Banca Dati per inserire programmi ed eventi

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA CASANATENSE - ROMA

Indirizzo: Via Sant'Ignazio, 52 - 00186 Roma
Telefono: +39 06 6976031
Fax: +39 06 6790550
Email: b-casa@beniculturali.it
Sito web: http://www.casanatense.it/
Biblioteca Casanatense - Facciata

La biblioteca Casanatense fu istituita dai padri domenicani del Convento di S. Maria sopra Minerva a Roma come biblioteca di pubblica utilità, per volere del cardinale Girolamo Casanate (1620-1700).
Costruita nell'area di un chiostro della Minerva, su progetto dell'architetto Antonio Maria Borioni, la biblioteca fu aperta nel 1701 ed ebbe come primo nucleo la collezione del Cardinale Casanate, ricca di oltre 25.000 volumi. La biblioteca era collegata con i principali centri del commercio librario europeo e si interessava sia alla produzione corrente sia al mercato antiquario, mirando alla realizzazione della biblioteca universale. I padri domenicani indirizzarono dunque gli acquisti, oltre che alle tradizionali discipline religiose e teologiche - con un'accentuazione in senso non confessionale - anche agli studi di diritto romano, di economia e sulla città di Roma.
Primeggiò tra le biblioteche romane per l'illuminata politica degli acquisti e per l'esperta attività biblioteconomica e catalografica, legata soprattutto alla figura di Giovanni Battista Audiffredi (1714-1794). Nel 1872, estesa anche a Roma la legge sulle corporazioni religiose, al prefetto domenicano (il direttore della biblioteca) fu affiancato un funzionario governativo, e per alcuni anni la Casanatense ebbe amministrazione in comune con la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele II, con la quale fu addirittura stabilito un passaggio diretto attraverso un cavalcavia costruito fra i due edifici. Nel 1884, conclusasi a sfavore dei Domenicani la lite giudiziaria intrapresa contro il Ministero dell'istruzione pubblica, questi furono sostituiti con personale statale. Dopo essere stata amministrata da quel Ministero la biblioteca è oggi un istituto periferico del Ministero per i beni e le attività culturali.