Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca universitaria - Pavia

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA UNIVERSITARIA - PAVIA

Indirizzo: Corso Strada Nuova, 65 - 27100 Pavia
Telefono: +39 0382 24764 ; +39 0382 33223
Fax: +39 0382 25007
Email: bu-pv@beniculturali.it ; mbac-bu-pv@mailcert.beniculturali.it
Sito web: http://siba.unipv.it/buniversitaria/
Salone Teresiano dell’architetto Giuseppe Piermarini

La nascita della Biblioteca universitaria si colloca nel quadro della radicale riforma dell'Università voluta da Maria Teresa d'Austria a partire dalla seconda metà del Settecento. Solo dal 1778 la Biblioteca ha trovato sede nel Palazzo Centrale dell'Università occupando dapprima il Salone Teresiano cui si sono via via aggiunti gli spazi necessari all'accrescimento delle raccolte e all'ampliamento dei servizi. Il patrimonio bibliografico, che si è inizialmente formato con i volumi doppi delle biblioteche di Brera e di Vienna, con lasciti importanti e con scambi, si è  arricchito successivamente con l'acquisto di intere biblioteche e di fondi librari. Un discreto gettito è arrivato a partire dal 1802 con i volumi destinati alla biblioteca per diritto di stampa. Dal 1989 la Biblioteca universitaria, convenzionandosi con l'Università, ha potuto informatizzare con SBN alcuni servizi (acquisti, catalogazione, prestito, informazioni bibliografiche) e da allora è sempre stata partecipe all'applicazione di nuove tecnologie. Da qualche anno sono state installate diverse stazioni di lavoro a disposizione dell'utenza per ricerche, anche assistite, in internet e nelle numerose banche dati on-line e su CD-ROM. Con il sorgere delle numerose biblioteche di istituto, di dipartimento e di facoltà con compiti di aggiornamento specialistico, la Biblioteca ha assunto il compito di documentare le varie discipline attraverso l'acquisto delle grandi opere di consultazione e i più significativi repertori bibliografici. La Biblioteca ha una dotazione di 497.077 opere a stampa; 6.102 periodici; 582 manoscritti del fondo Aldini, 821 del fondo Ticinesi, 13.220 circa del fondo Autografi, 1.153 del fondo Pergamene; 691 incunaboli; 7.000 cinquecentine; 8.240 gride; oltre 4.000 incisioni; circa 1.300 carte geografiche; 11.021 microfilm; 892 CD-ROM.