Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca Innocenziana - Lecce

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA INNOCENZIANA - LECCE

Indirizzo: piazza Duomo 5 - 73100 Lecce
Telefono: +39 0832 333522
Fax: +39 0832 244761
Email: biblioinnocenziana@libero.it
Sito web: http://www.diocesilecce.org/
Palazzo del seminario

La Biblioteca Innocenziana, che prende il nome dal pontefice Innocenzo XII, Antonio Pignatelli, che fu vescovo di Lecce, iniziò a costituirsi nella prima metà del Settecento sotto mons. Fabrizio Pignatelli, vescovo di Lecce, con le edizioni della tipografia vescovile di quel tempo; nel 1799 si potè ampliare aggiungendo al primo nucleo i volumi provenienti dai soppressi conventi di Lecce, dei padri di San Benedetto, di San Domenico, di Sant’Agostino, dei Frati minori della Riforma e dei Cappuccini di Rugge. La dote dei libri si accrebbe poi di anno in anno con le opere donate da vescovi, sacerdoti e privati cittadini. Fu aperta al pubblico il 9 gennaio 1961.
L’arcivescovo mons. Cosmo Francesco Ruppi, con proprio decreto reg. prot. A/2 sez. 2 n. 5174, allo scopo di provvedere l’Istituto Superiore di Scienze religiose di Lecce di uno strumento necessario ed adeguato ai suoi fini istituzionali, ha affidato la biblioteca alla custodia e alla direzione dell’Istituto. Dal 2002 la direzione della Biblioteca è stata distinta dalla direzione ISSR, con nomina arcivescovile, è stato designato il prof. don Pasquale Matino.
Il patrimonio librario è costituito da circa 40.000 documenti tra libri antichi (5.000), e fascicoli. Il fondo antico copre un arco cronologico che va dal XV al XIX secolo: è costituito da 3 incunaboli, 224 Cinquecentine ed un cospicuo numero di edizioni del Seicento, Settecento, dell’Ottocento e un centinaio di manoscritti. Il fondo moderno è stato implementato, in particolare negli ultimi anni, grazie alle donazioni di ecclesiastici: don Salvatore Colonna, don Ugo de Blasi, mons. Cosmo Francesco Ruppi, don Michele Pinto, don Franco Mannarini e la donazione dell’Istituto ONARMO di Lecce. Sono presenti, inoltre 70 testate di riviste, in corso.
Il 12 Dicembre 1983 la Giunta Regionale dichiarava la Biblioteca Innocenziana istituzione di interesse locale.