Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca comunale Achille Vergari – Nardo’

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA COMUNALE ACHILLE VERGARI – NARDO’

Indirizzo: Piazzetta Biblioteca, 7 – 73048 Nardò (Le)
Telefono: + 39 0833 564318
Fax: + 39 0833 564318
Email: biblioteca.comunale@comune.nardo.le.it
Sito web: http://www.bibliando.it/SebinaOpac/.do?&bib=LEKL9&sysb=biblioteca#0
Esterno edificio

La Biblioteca comunale Achille Vergari, ubicata nel cuore del centro storico cittadino in una costruzione del XIX secolo, trae le sue origini dalle raccolte librarie di monasteri soppressi (Antoniani e Domenicani), dopo la costituzione del Regno Unitario. A queste si aggiunse il cospicuo lascito dell’illustre cittadino neretino dottor Achille Vergari, morto nel 1875. Personalità di grande cultura, medico, dispose, con testamento olografo del 1 gennaio 1861, che il suo ingente patrimonio librario fosse donato al Seminario di Nardò in modo da costituire una biblioteca di carattere scientifico. Nel 1885 il vescovo rinunciò ad amministrare la biblioteca che, secondo quanto stabilito dallo stesso Vergari, passò al Comune di Nardò. Con delibera del Consiglio Comunale del 14 dicembre 1886 fu approvata la costruzione dell’edificio che tuttora ospita la Biblioteca, che fu terminato nel 1892.
La Biblioteca nei suoi ampi 10 locali distribuiti su una superficie complessiva di mq. 470, accoglie un patrimonio librario di circa 75.000 volumi di diverse epoche.
I fondi sono suddivisi nelle seguenti sezioni: Letteratura, Storia, Filosofia, Psicologia, Narrativa, Puglia e Salento, Dizionari ed Enciclopedie, Emeroteca con stampa periodica e quotidiana, a tiratura nazionale e locale con particolare attenzione alle pubblicazioni salentine. C’è anche una sezione dedicata a bambini e ragazzi e un fondo antico che raccoglie opere rare e di pregio. Di questo fondo fanno parte alcuni incunaboli, manoscritti, cinquecentine, edizioni dei secoli XVII e XVIII e numerose altre opere pregevoli.