Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca del Convento S. Maria Occorrevole - Piedimonte Matese (CE)

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA DEL CONVENTO S. MARIA OCCORREVOLE - PIEDIMONTE MATESE (CE)

Indirizzo: Via Nuova Monte Muto, 2 - 81016 Piedimonte Matese (CE)
Telefono: +39 0823 911898
Fax:
Email: info@santamariaoccorrevole.org
Sito web: http://www.santamariaoccorrevole.org
Il Convento

La biblioteca antica, nata con l’arrivo della comunità alcantarina, ottenne il riconoscimento ufficiale dalla Santa Sede nel 1679. Nello stesso anno, presso il convento, fu creata una Scuola di Spiritualità che ebbe un riconoscimento ufficiale con la Bolla Esponi Nobis di Innocenzo XI. Localizzata al piano superiore del convento seicentesco, la biblioteca conserva ancora la scaffalatura in legno originaria. In essa furono raccolti testi di ascetica e teologia spirituale, secondo quanto prevedeva la rigida regola francescana. La presenza di frati che si distinguevano per cultura e prestigio dotò la biblioteca di testi di varia tematica e di notevole valore. Nel convento della Solitudine, da parte di frate Gaspare Munoz de Valeria, fu tradotta l’opera La mistica città di Dio della suora spagnola Maria de Agred che fu, in seguito, proibito dall’Inquisizione. Oltre al fondo del Convento di S. Maria Occorrevole, dunque, vi è un secondo fondo di spiritualità e ascetica costituito di oltre cinquecento volumi (seicentine e settecentine), proveniente dal conventino della Solitudine.
Negli anni ottanta la comunità conventuale, dopo un periodo di decadimento, ha avuto un nuovo impulso con la riapertura del noviziato. Da allora la biblioteca si è arricchita di nuove opere (dizionari, enciclopedie, collane teologiche, opere di dottrina sociale, periodici) ed è attivamente curata dai frati responsabili.