Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Sito web

Home »  Partner  »  Biblioteca nazionale Marciana - Venezia

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

16.10.2014

Giornata di informazione a Roma il 5 novembre 2014

22.09.2014

Da sabato 4 ottobre a venerdì 31 ottobre 2014, in Puglia, la terza edizione della Giornata Nazionale delle Biblioteche

03.10.2014

Al via l'iniziativa congiunta del Garr e MiBACT per ottenere un panorama completo delle infrastrutture di ricerca nel campo dei beni culturali del nostro Paese


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


BIBLIOTECA NAZIONALE MARCIANA - VENEZIA

Indirizzo: Piazzetta San Marco, 7 - 30124 Venezia
Telefono: +39 041 2407211
Fax: +39 041 5238803
Email: biblioteca@marciana.venezia.sbn.it
Sito web: http://marciana.venezia.sbn.it/
Biblioteca Marciana

La Biblioteca Marciana deve la sua origine al mecenatismo del cardinale Bessarione, che donò, nel 1468, la sua raccolta: circa 750 codici, cui egli aggiunse poi altri 250 manoscritti e alcune opere a stampa. Venezia accettò solennemente il dono: veniva così realizzato il disegno di una "pubblica Libreria" a Venezia; un disegno che già Francesco Petrarca aveva concepito un secolo prima, nel 1362, senza peraltro poter condurre a termine il suo progetto.
Lo Stato veneto si impegnò a collocare i volumi in una sede degna dell'importanza del dono; ma solo nel 1537 fu possibile iniziare la costruzione della Libreria, ideata da Jacopo Sansovino, che seppe mirabilmente armonizzare il più nobile stile classico della Rinascenza con il pittoresco ambiente veneziano.
La biblioteca, dopo il suo trasferimento nel nuovo edificio, si arricchì soprattutto grazie a donazioni e a lasciti successivi. In particolare incrementò le sue raccolte grazie al trasferimento ad essa di parte delle biblioteche di alcuni monasteri, nonché per effetto dell'obbligo imposto agli stampatori di depositarvi un esemplare di ogni libro pubblicato, come previsto da una legge veneta del 1603 (la prima in Italia in materia). Dopo la caduta della Repubblica veneta, la biblioteca venne arricchita a seguito della concentrazione in essa di parte delle biblioteche degli enti religiosi soppressi in epoca napoleonica.
La Marciana, che dipende dal Ministero per i beni e le attività culturali, conta oggi circa un milione di volumi, di cui circa 13.000 manoscritti, molti dei quali ricchi di miniature. Gli incunaboli sono 2883; le cinquecentine 24.055.
Ricchissima per quanto riguarda la cultura greca, la storia veneta, l'editoria veneta, la Marciana, accresciuta in questo secolo da importanti donazioni, svolge una funzione importante nella vita culturale veneta e al servizio degli studiosi di tutto il mondo.