Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Partner  »  Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi (Icbsa) - Roma

Menu della sezione


Servizi per i Partner:


EVENTI E NOVITA'

Tue Nov 07 11:32:00 CET 2017

Roma, martedì 21 novembre 2017
 

Tue Nov 07 11:44:00 CET 2017

Manus Online, pubblicate 1.600 descrizioni di manoscritti dei secoli XIII e XIV

Wed Mar 08 14:03:00 CET 2017

Compila il questionario disponibile al seguente indirizzo: http://bit.ly/2lqDO2r


Bookmark and Share

???pagina.contenuti???


ISTITUTO CENTRALE PER I BENI SONORI E AUDIOVISIVI (ICBSA) - ROMA

Indirizzo: Palazzo Mattei di Giove, Via Michelangelo Caetani, 32 - 00186 Roma
Telefono: +39 06 68406901
Fax: +39 06 6865837
Email: ic-bsa@beniculturali.it ; mbac-ic-bsa@mailcert.beniculturali.it
Sito web: http://www.icbsa.it/
Sala direzione

Istituito nel 2007, l'ICBSA è subentrato alla Discoteca di Stato della quale ha acquisito le competenze, il personale, le risorse finanziarie e strumentali, le attrezzature e il materiale tecnico e documentario. La Discoteca di Stato era nata nel 1928 come archivio di voci, analogamente ad archivi sonori sorti tra la fine dell'Ottocento e gli anni trenta del Novecento; al capo del governo era riservata la scelta delle persone di cui raccogliere la voce e i prescelti erano iscritti in un apposito albo d'onore. Due sono le figure alle quali è da attribuire la paternità ideale della Discoteca di Stato: Rodolfo De Angelis e Gavino Gabriel. Con la legge n. 130 del 18 gennaio 1934 , si estese l'attività di raccolta a tutto quanto nel campo dei suoni interessi la cultura scientifica, artistica e letteraria, con particolare riferimento ai canti e dialetti di tutte le regioni e le colonie d'Italia e agli studi di glottologia e di storia. Nel 1939 venne riformulata la disposizione sul deposito delle copie delle pubblicazioni discografiche che rimase in vigore fino alla attuale legge 106/2004 che finalmente sancisce il deposito legale obbligatorio dei documenti audiovisivi. Il patrimonio dell’ICBSA è composto attualmente da oltre 300.000 supporti: dai cilindri di cera inventati da Edison, ai dischi, nastri, video fino agli attuali supporti digitali. Conserva anche una ricchissima collezione di strumenti storici per la riproduzione del suono: fonografi, grammofoni e altri apparecchi dalla fine dell'ottocento agli anni cinquanta. L'ICBSA ha altresì il compito di formulare standard e linee guida in materia di conservazione e gestione dei beni sonori ed audiovisivi, promuovendo, anche in collaborazione con altre istituzioni nazionali e internazionali, attività formative e approfondimenti tecnico-scientifici negli ambiti di competenza