Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Strumenti  »  Anagrafe delle biblioteche italiane

Menu della sezione


EVENTI E NOVITA'

Fri Nov 25 14:07:00 CET 2016

Parte domenica 4 dicembre su Tv2000, la serie di documentari d'arte dedicata alle Biblioteche storiche italiane

Tue Sep 27 12:35:00 CEST 2016

La conferenza AIUCD 2017 si svolgerà dal 26 al 28 gennaio 2017 a Roma, organizzata da Digilab, dell'Università degli studi Sapienza in cooperazione con il network DiXiT (Digital Scholarly Editions Initial Training Network)


Bookmark and Share


Pagina dei contenuti


ANAGRAFE DELLE BIBLIOTECHE ITALIANE

La base dati Anagrafe delle biblioteche italiane, realizzata e gestita dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (ICCU), raccoglie informazioni dettagliate relative alle biblioteche presenti su tutto il territorio nazionale. A differenza delle analoghe basi dati, è l'unica a registrare biblioteche di diverse tipologie: statali, comunali, universitarie, ma anche molte scolastiche, di ente ecclesiastico, e di numerose accademie e fondazioni.

Dall’Anagrafe si accede ad una serie di informazioni: oltre ai dati puramente anagrafici, sono gestiti dati patrimoniali (posseduto, cataloghi, fondi, ecc.), dati sui servizi, al pubblico (prestito, accesso alle persone diversamente abili, orari di apertura ed eventuali variazioni, sezioni speciali, etc.), dati amministrativi (personale, bilancio, strutture, etc.). Inoltre, sulla base dati è attiva una funzione di georeferenziazione delle biblioteche.

 

Ad ogni biblioteca viene assegnato un codice identificativo conforme alla norma ISO 15511, ossia il codice ISIL (International Standard Identifier for Libraries and related organizations).

L’Anagrafe è costantemente aggiornata mediante:

  1. l'invio dei dati via web da parte delle biblioteche o dagli enti responsabili (regioni, università, etc.) con password assegnata dall’ICCU
  2. un formato di scambio basato su uno schema XML definito dall'ICCU di concerto con le regioni e altri enti
  3. l'invio di modifiche e aggiornamenti all’indirizzo e-mail anagrafe@iccu.sbn.it

 






COLLEZIONI DIGITALI



TEMI