Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Pagina dei contenuti


Home » Esplora »  Mostre

Sommario     Pagina precedente     Pagina successiva     Indice mostre

 ITALIANI A TAVOLA

La seconda guerra mondiale
                   

Negli anni tragici della Seconda guerra mondiale, le restrizioni alimentari obbligano gli italiani ad economizzare su tutto. I prodotti alimentari scarseggiano e il governo istituisce il razionamento e le carte annonarie. Lunghe file davanti ai negozi sono necessarie per procurarsi il cibo.
Se mangi troppo derubi la patria” è lo slogan pubblicizzato dal regime per imporre restrizioni alimentari sempre più rigorose, che diminuiscono via via che la guerra incalza: all’arrivo degli alleati nella capitale, ad esempio,
i romani ricevevano solo 100 gr. di pane nero al giorno.
Sotto i bombardamenti si cerca il cibo nelle mense collettive istituite dalle parrocchie o dalle autorità civili.
L’unica possibilità di procurarsi qualcosa di più è ricorrere alla borsa nera, ma i prezzi proibitivi (l’olio, uno dei generi più rari, viene venduto a L. 420 al litro, contro un prezzo ufficiale di L. 30) costringono, chi può, ad usare merce di scambio: gioielli, vestiario, capi di corredo. 

Venditore ambulante di fichi d’India A 204
Venditore ambulante di fichi d’India lungo una via di Palermo. Ecco un altro modo antico degli italiani di una volta di nutrirsi anche per strada.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento, 80 x 135. Anni ’40 del sec. XX.
Pranzo offerto da autorità del regime A 213
Sulla parete di fondo di una sala sono appese bandiere tricolori e del Sol Levante oltre ai ritratti di S.M. Vittorio Emanuele III re d’Italia e d’Albania e imperatore d’Etiopia e del duce Benito Mussolini, Presidente del Consiglio. Tra i ritratti è incorniciato un telegramma con firma autografa dello stesso Mussolini. Si sta concludendo un pranzo offerto da autorità del regime a rappresentanti del governo nipponico. Infatti, alle spalle dei commensali principali in divisa fascista, sta in piedi l’interprete giapponese.
Questa fotografia è da accostare all’alleanza italo-giapponese che precedette l’entrata in guerra dell’Italia.
Sulla fronte, nell’angolo inferiore sinistro, timbro a secco: Foto De Fabianis-Vercelli.
Sul retro, timbro: Ditta G. De Fabianis, Foto-Cine. Negozi, Corso C. Alberto 47-Tel. 1845, Portici Caffè Marchesi-Tel.1846, Vercelli. A penna n° 13.
G. De Fabianis, Vercelli, positivo al bromuro d’argento, 145 x 205. 1935-40 ca
Trattoria “Carbonera” A 215
All’angolo di una bottega veneziana, provenienti dalla vicina trattoria “Carbonera”, come indicato dal cartello in alto sulla destra, un gruppo di amici si accommiata dopo aver bene pranzato.
Sotto il margine inferiore, a penna: Venezia, 9 sett. 940 XVIII. Prodromi di unagià confermata indigestione e di una mezza sbronza! (Necessaria l’una e l’altra per dimenticare le sirene, i tavolini in mezzo al mare e altre...!).
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento su carta Agfa ad uso cartolina postale,
90 x 85. 9 settembre 1940.
Cena al Lido di Venezia durante il Festival del Cinema del 1942

A 226
Cena al Lido di Venezia durante il Festival del Cinema del 1942. Il fotografo è stato autorizzato a riprendere il Ministro della Propaganda del Terzo Reich, Joseph Goebbels, ospite al tavolo del Prefetto del Regno, Marcello Vaccai. L’atmosfera di sogno e illusoria del cinema segna i comportamenti dei commensali che sorridono come protagonisti della episodio di un canovaccio cinematografico. Ma il 1942 è l’ultimo anno delle vittorie militari dell’Asse, si avvicinano le prime tragiche sconfitte, che porteranno l’Italia e la Germania alla catastrofe. Nessuno intanto pensa a ciò che Goebbels sa: quanto sta avvenendo negli orridi campi di concentramento! Di nuovo il nostro sapere e la storia ci aiutano a leggere ben oltre l’apparenza delle forme fotografiche, attribuendo così alla fotografia un valore culturale di grande coinvolgimento personale e collettivo.
Nell’angolo inferiore sinistro il marchio dell’Istituto Luce, incaricato delle riprese fotografiche ufficiali.
Senza indicazione d’autore, per Istituto Luce, positivo al bromuro d’argento, 165 x 220.
Sul retro a penna: Marcello Vaccai, a destra, prefetto Venezia 1942-Festival Cinema. 1942.

Ai tavoli del salone da ballo di un grande albergo A 227
Ai tavoli del salone da ballo di un grande albergo o di un ritrovo notturno si beve champagne e si conversa amabilmente, toilettes eleganti e ardite, smoking neri e bianchi. Si balla un blues o un fox o un più classico valzer lento, mentre si intrecciano sentimenti o avventure galanti. È un cliché cinematografico, il bel mondo imita Hollywood e il film dei telefoni bianchi. Sul soffitto un cielo di garofani. Sul retro a matita: Cortina d’Ampezzo, serata mondana. Timbro: Fot. A. Cardini - Cortina. Sindacato fascista Alberghi e Turismo del Comune di Cortina d’Ampezzo.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento, 220 x 280. Anni ’30/’40 del sec. XX.
Un gruppo di simpatiche signore circonda la più anziana, in veste da cuoca. A 228
Un gruppo di simpatiche signore circonda la più anziana, in veste da cuoca, che mima il gesto di distribuire, da un paiolo vuoto, la minestra nei piatti che le altre le porgono. Una curiosità sta nel fatto che la scenetta è recitata per strada.
Sul retro, timbro: Cav. L. Rinaldi, via... Roma. D 0016.
L. Rinaldi, Roma, positivo al bromuro d’argento su carta Agfa Lupex, 80 x 55. Anni ’40 del sec. XX.
Fotografia di propaganda dell’Opera Balilla

A 242
In una fotografia di propaganda dell’Opera Balilla vediamo una tavola con bambine, assistite dalla stessa Opera, intente al pranzo.
Senza indicazione d’autore, fotoriproduzione meccanica ad uso cartolina postale, 116 x 140, 1942
Sulla fronte, a stampa è riportato il crescente numero dei bambini assistiti dall’Opera Balilla in corrispondenza degli anni 1938- 1942.

Gruppo di soldati impegnati in esercitazioni militari posano per una spiritosa foto ricordo A 245
Un gruppo di soldati impegnati in esercitazioni militari posa per una spiritosa foto-ricordo. Uno, seduto a terra, punta il fucile al fotografo, un altro ha nella destra la pistola e con la sinistra indirizza in una gavetta il getto del vino proveniente da un tubo che fuoriesce da una damigiana tenuta a spalla da commilitoni. Un altro soldato, indossando un mantello e un cappello da bersagliere privato delle piume, giunge le mani in atto di preghiera e imita così il gesto del cappellano militare. Vino e armi vengono presentati come il segno dello spirito militare e il finto prete mima la pazienza di chi vorrebbe combattere contro questi atteggiamenti fin troppo virili.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento su carte Ferraia, 125 x 80. 1935-40 ca.
un raggruppamento di autieri posa mostrando le gavette al suo ufficiale A 249
Sul fronte francese un raggruppamento di autieri posa mostrando le gavette al suo ufficiale, il conte Marco Gerardo Manodori.
Sul retro, a penna “La zuppa l’è cotta”. Fronte Ovest, giugno 1940.12. Timbro: De Zardo Brescia.
Marco Gerardo Manodori, positivo al bromuro d’argento stampato da De Zardo, Brescia, 55 x 40. Giugno 1940.

Gruppo di soldati consuma il rancio

A 253
Gruppo di soldati consuma il rancio in una sorta di colazione al sacco in montagna. L’occasione fa vivere ai militari un momento di distrazione.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento su carta Ferrania ad uso cartolina postale, 80 x 130. 1940 ca.
Soldati escono dalla sede dei Fasci Femminili dell’Urbe A 259
Soldati (probabilmente dei G.U.F.) escono dalla sede dei Fasci Femminili dell’Urbe dopo aver ritirato il cestino dei generi di conforto.
Sul retro, timbro: G.U.F. Uff. Stampa.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento, 120 x 180. 1940 ca.

Roma, i giorni dei bombardamenti alleati sul quartiere di San Lorenzo

A 261
Roma, i giorni dei bombardamenti alleati sul quartiere di San Lorenzo. L’Italia più tragica dolorosamente ferita, vivrà tutte le difficoltà del procurarsi del cibo. Comparirà il fenomeno della cosiddetta “borsa nera” e si vivrà con i razionamenti e le tessere. Nell’immagine un gruppo di uomini mangia in una pausa del lavoro di rimozione delle macerie.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento, 180 x 135. 1943.

Un gruppo di ausiliarie degli eserciti alleati fa colazione in una trattoria

A 262
Un gruppo di ausiliarie degli eserciti alleati fa colazione in una trattoria durante la campagna d’Italia. È il momento della fine del regime fascista, della Resistenza, della Liberazione.
Senza indicazione d’autore, positivo al bromuro d’argento, 190 x 240. 1945

Distribuzione del pacco dono natalizio ai propri dipendenti da parte dell’Istituto Grafico Italiano A 265
Distribuzione del pacco dono natalizio ai propri dipendenti da parte dell’Istituto Grafico Italiano in collaborazione con i giornali: “Il Popolo, il Globo, L’Ora della Nazione e...”. Insieme al pacco veniva donato un fiasco di vino Chianti Ruffino e un libro illustrato per bambini dal titolo Sei personaggi e Wipsi. La consuetudine  del pacco dono introdotta nell’ambito dei dopolavoro e delle Associazioni fasciste non venne meno nell’Italia repubblicana almeno fino agli anni ’60. La tavola degli operai e dei piccoli impiegati italiani vedeva così arrivare un po’ di abbondanza in occasione delle festività.
Sul retro, timbro: Ritratto d’arte, Cav. Guido De Pretore, Roma-Via della Vite, 23 p.p. telef. 62-9-67. A penna: Natale 1948. A matita: 1.
Guido De Pretore, Roma, positivo al bromuro d’argento, 170 x 225. Natale 1948.