Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Pagina dei contenuti


Home » Esplora »  Mostre

Sommario     Pagina precedente     Pagina successiva     Indice mostre

Disegnare con la Luce. I fondi fotografici delle biblioteche statali

Cremona - Biblioteca Statale
         

Dono Emanuele Ferrari
nipote del musicista cremonese Igino Robbiani (1884-1966)
 
Il fondo è costituito da una sezione a stampa (più di un centinaio tra partiture d'epoca - anche dallo stesso Robbiani - e libri d'argomento musicale) e da oltre 1200 documenti, soprattutto lettere inviate a Igino Robbiani da personalità del mondo musicale e politico tra il 1906 ed il 1955: tra queste autografi di Puccini, Mascagni, Perosi, A. Turati, Saragat ed altri.
Ad esso va aggiunto un gruppo di 81 fotografie e due negativi, databili dal 1920 al 1954, comprendente foto di scena delle prime rappresentazioni delle opere liriche di Igino Robbiani in vari teatri italiani (Alla Scala di Milano, La Fenice di Venezia, l'Opera di Roma ed altri), foto-ritratto del musicista e di altri personaggi della vita musicale della prima metà del Novecento, alcune foto di carattere privato.

    

Cremona Dettaglio Cattedrale

Aurelio Betri (Cremona,1834-1904), fotografo
Cremona Dettaglio Cattedrale
 

Archivio fotografico Aurelio Betri
Aurelio Betri (Cremona, 1834-1904), fotografo

Il fondo è costituito da 154 negativi su lastre di vetro del formato 18 x 24 cm facenti parte dell'archivio fotografico di Giovanni Negri, che aveva rilevato lo studio fotografico di Aurelio Betri intorno al 1924.
Il contenuto del fondo documenta l'aspetto architettonico e urbanistico della città di Cremona dalla metà del secolo scorso ai primi anni del Novecento e i soggetti delle immagini riguardano in prevalenza chiese, palazzi, strade, monumenti, affreschi e manufatti artistici del Museo civico.
Le immagini di Aurelio Betri sono contraddistinte da un'abilità tecnica notevole e da uno stile personale di ripresa fotografica che reggono il confronto con gli studi più rinomati dell'epoca.
Betri iniziò l'attività di fotografo nel 1865, essendo chiamato allora a dirigere lo stabilimento fotografico di Beniamino e Luigi Maruti a Cremona e nel 1869 lo acquistò dagli stessi proprietari. Dalle sue vedute della città di Cremona vennero ricavate minuziosamente delle incisioni per la Guida della città e provincia di Cremona illustrata da incisioni di distinti artisti edita nel 1881 da Feraboli.

Cremona Duomo

Aurelio Betri (Cremona, 1834-1904), fotografo- Lastra 70 Cremona Duomo da
via XX Settembre
[absidi e case vicine poi demolite]
1 negativo su vetro: collodio o gelatina; 240 x 178 mm

Aurelio Betri Oreste Riva
Aurelio Betri (Cremona, 1834-1904), fotografo
Arcangelo Ghisleri, geografo e uomo politico cremonese.
Stampa fotografica 85 x 60 mm;
st.c.: buono.
B.S.C.
Oreste Riva, musicista
Stampa fotografica proveniente dal fondo Emanuele Ferrari.