Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Pagina dei contenuti


Home » Esplora »  Mostre

Sommario     Pagina precedente     Pagina successiva     Indice mostre

Archeologia in posa

La fotografia archeologica
                             

La mostra “Archeologia in posa" presenta un'importante e preziosa selezione di inedite immagini fotografiche antiche, eseguite fra il 1845 e il 1940, che documentano le fasi più importanti sia dello scavo archeologico sia dei restauri, testimoniando anche gli interventi urbanistici nei luoghi monumentali archeologici che sono da sempre tra i più famosi dell'Urbe.

                              
Fotografia archeologica: sequenza immagini
                             

Due sono le categorie iconografiche nelle quali leggere la funzione storico-documentaria della fotografia archeologica: una è quella delle fotografie che possono essere definite turistiche, cioè eseguite per il pubblico dei viaggiatori e dei visitatori che percorreva l'Italia tra il 1840 e il 1930, prima che il turismo di massa cominciasse a manifestare la propria esistenza e a essere organizzato; l'altra è quella a carattere esclusivamente scientifico, costituita dalle riprese fotografiche eseguite per documentare, a uso degli archeologi, i lavori di scavo, di rinvenimento di opere antiche, di restauro, di ripristino di materiali archeologici, di monumenti o luoghi monumentali dell'antichità.
La raccolta riprodotta contiene molte immagini che nacquero per amore del paesaggio, per la suggestione del luogo monumentale o del monumento, per il folclore che tutto questo esprimeva nella presenza di elementi caratteristici del tempo che  potremmo definire demoetnoantropologici.
E’ vero che la fotografia archeologica, come la fotografia in genere, non sempre presenta tutti i dettagli possibili di un monumento, né i fotografi che operavano per il mercato turistico si sottraevano al punto o ai punti di vista maggiormente stereotipi del manufatto antico o comunque più suggestivi o pur sempre legati al valore del souvenir. Nonostante questo limite, ora più ora meno accentuato, la fotografia antica archeologica resta, perché senz'altra alternativa, l'unica realtà esistente di una memoria visibile del monumento.