Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Pagina dei contenuti


Home » Esplora »  Mostre

Sommario     Pagina precedente     Pagina successiva     Indice mostre

 Leo Longanesi: la Fabbrica del Dissenso

sez5-titolosez5-segnopicc

sez5imm01 sez5-testo

sez5_Oriz

sez5-1-titolo

sez5-1imm01cappello


sez5-1imm01
sez5-1-testo

sez5-segnogirato

sez5_Oriz sez5-2-titsez5-segnopicc
sez5-2-imm02 sez5-2_1Non c’è più fantasia, il nuovo mondo non sa che farsene della fantasia. I grandi problemi della produzione, i monotoni miti dei nuovi ceti non tollerano più la fantasia. Tutto è destinato a ubbidire alle leggi del peso e della quantità. Oggi si procede soltanto a miliardi e a tonnellate e si tende a mettere tutto in scatola: idee, frutta, sentimenti, carne. Non c’è posto per la fantasia, che è la figlia diletta della libertà. La libertà è morta perché si è troppo estesa.

Escono dalle fogne vestiti di nuovo.

Scompaiono i grandi signori e i grandi anarchici, estremi lussi di una medesima società. E sono scomparsi anche i grandi santi. Forse il cristianesimo vince la sua battaglia con i prezzi fissi e la produzione in serie.

Abuso di potere, mitigato dal consenso popolare: ecco l’ideale della nostra democrazia.

Quando l’Italia sarà sopraffatta dalla finta ricchezza che già ora dilaga, noi ci troveremo a vivere in un paese di cui non conosceremo più il volto né l’anima.

sez5_Oriz

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

copertine

sez5_Oriz