Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Pagina dei contenuti


Home » Esplora »  Percorsi 3D

Biblioteca Medicea Laurenziana - Catalogo

Approfondimenti
Vetrate dell'ordine superiore - Vestibolo
Foto delle tre vetrate decorate



Vetrate - Sala Lettura

Le vetrate della biblioteca di Michelangelo sono un capolavoro dell'arte vetraria con molteplici riferimenti alla pittura cinquecentesca coeva. In origine le vetrate erano trenta, disposte parallelamente sui due lati della sala di lettura per illuminare i plutei (banchi lignei) adibiti alla lettura; oggi ne rimangono ventisette più due cieche poiché nel 1841 l'assetto originario della sala venne alterato dalla costruzione della Tribuna D'Elci.

La decorazione policroma è molto raffinata, eseguita probabilmente con cartoni, almeno quattro, con la tecnica della pittura a grisaglia e del giallo argento. Vi sono rappresentati i simboli dell'araldica medicea riferibili a Clemente VII e a Cosimo I: un trionfo di motivi a grottesche, emblemi, armi e putti alati. Numerose vetrate riportano la data di esecuzione (1558, 1567, 1568 fino al 1695). Michelangelo progettò la struttura architettonica della Biblioteca mentre le decorazioni e le vetrate furono realizzate da altri artisti dopo la sua partenza da Firenze avvenuta nel 1534. Se in passato le vetrate venivano attribuite a Giovanni da Udine, recenti studi suggeriscono che siano state realizzate da maestranze fiamminghe su cartoni riconducibili ad ambiente vasariano. In particolare, è stato scoperto recentemente il disegno preparatorio di un cartone delle vetrate, attribuibile al fiammingo Wouter Crabeth, anche conosciuto come Gualtieri d'Anversa.

Foto delle vetrate