Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Fulltext Sito web

Home »  Collezioni  »  Balletti di corte sabaudi

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

Mon May 14 14:38:00 CEST 2018

Ecco gli appuntamenti della Biblioteca Universitaria e della Biblioteca Nazionale di Napoli

Mon May 07 00:32:00 CEST 2018

Sono disponibili due nuove collezioni digitali del Sistema Bibliotecario di Ateneo di Firenze

Tue Apr 24 11:01:00 CEST 2018

 Ha inizio l’ottava edizione della campagna nazionale di promozione della lettura organizzata dal Centro per il Libro e la Lettura

Tue Jan 16 10:54:00 CET 2018

Un anno per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


BALLETTI DI CORTE SABAUDI

Biblioteca nazionale universitaria - Torino

La Biblioteca può vantare la presenza di 10 codici che riportano, oltre al testo, le scene e i costumi realizzati per le feste di corte di casa Savoia nel XVII secolo. Si trattava di spettacoli aristocratici, attraverso i quali il sovrano manifestava il proprio potere. Destinati esclusivamente ai membri della nobiltà, prevedevano la partecipazione in scena del duca, dei principi e delle principesse, dei nobili e degli alti dignitari di corte, abbigliati con costumi sfarzosi e fantasiosi, molto differenti dai tornei e dai caroselli, che si svolgevano all'aperto e coinvolgevano tutto il popolo. In tali spettacoli la danza e la poesia erano intimamente coniugate alla politica ducale. Le allegorie presenti in tali testi, infatti, diventano allusioni dinastiche e politiche, testimonianze di costume oppure panegirico del duca ed esaltazione della duchessa.
Gli spettacoli erano organizzati in occasione delle festività stabilite dal calendario ecclesiastico ma anche della celebrazione di momenti particolari della vita della casa regnante, quali matrimoni, funerali, nascite, successi militari e politici, visite di sovrani o di ambasciatori stranieri. Poiché in essi si rappresentava e si affermava il potere della dinastia, i balletti erano soggetti a una rigida etichetta di corte e lo stesso maestro delle cerimonie aveva l'incarico di sorvegliare la preparazione e l'organizzazione della giornata oltreché di predisporre, sulla base dello svolgimento del cerimoniale, le decorazioni e gli abbellimenti dei luoghi della città interessati all'evento.
Fra gli ideatori di questi spettacoli spicca la figura del cortigiano, letterato, musicista e coreografo conte Filippo San Martino d’Agliè (Torino 1604-1667), rappresentante di una della più antiche famiglie nobili piemontesi